Card. Burke: un gesto dirompente? tornare al Catechismo!

Lascia un commentoCatechismo della Chiesa Cattolica,Fede e ragione,Matrimonio e Famiglia

La famiglia è il luogo ove padre, madre e figli sono chiamati a diventare santi, a tendere alla salvezza eterna, a camminare insieme verso il Paradiso.
Oppure può diventare il luogo della propria condanna, della dannazione, il proprio inferno.
Dipende da quanto i coniugi corrispondano al progetto di Dio su di loro e ad esso conformino anche la prole.
Per riuscirvi, hanno uno strumento eccezionale: il Catechismo, ove la nostra fede viene presentata in modo sistematico.

Come giungere alla salvezza eterna (ed evitare la dannazione), come vivere l’alta vocazione alla verginità, come contrastare il flagello della contraccezione, come promuovere la vita? Sono questi i veri temi, su cui interrogarsi oggi in famiglia e con urgenza.
A richiederlo è la situazione, divenuta ormai davvero preoccupante.

Su tutto questo Jeanne Smits ha intervistato il card. Raymond Leo Burke, sempre distintosi per l’attenzione rivolta a questi argomenti, come dimostrano – tra l’altro – il suo intervento al Rome Life Forum e la sua costante partecipazione alla Marcia per la Vita di Roma.

  (altro…)

Mons. Crepaldi: dopo il coronavirus un nuovo statalismo?

3 CommentiAttualità,Totus tuus

Dopo il coronavirus: la strada della vera libertà
Appunti
✠ Giampaolo Crepaldi

Qualche settimana fa, in piena emergenza coronavirus, ho avuto modo di rendere note alcune mie riflessioni, condotte sia come vescovo sia come convinto promotore della Dottrina sociale della Chiesa, sulla nuova situazione sociale creata dall’epidemia. Come ricordavo in quella occasione, questa esperienza richiede di essere valutata prima di tutto in chiave spirituale e nella visione di una teologia della storia umana segnata dalla caduta e dalla redenzione.
Scriveva infatti Leone XIII nella Rerum novarum che «le cose del tempo non è possibile intenderle e valutarle a dovere, se l’animo non si eleva ad un’altra vita» (n. 17).
Così la Chiesa aiuta gli uomini ad affrontare anche la presente crisi: «La crisi ci obbliga a riprogettare il proprio cammino, a darci nuove regole e a trovare nuove forme di impegno» (Caritas in veritate, n. 21).
Tenendo conto di questa prospettiva, vorrei ora continuare quelle osservazioni interrogandomi più direttamente su alcune direttive di azione, che assieme ai principi di riflessione e ai criteri di giudizio, fanno parte della proposta della Dottrina sociale della Chiesa.

(altro…)

Cardinale congolese rivaluta il colonianismo?

Lascia un commentoChiesa,Politica

«Il nostro fallimento non è colpa dei bianchi»
L’omelia del cardinale Ambongo

L’arcivescovo di Kinshasa scuote il Congo parlando in occasione del 60esimo anniversario dell’indipendenza: «Abbiamo occupato i posti dei bianchi, ma non abbiamo usato il potere per servire il popolo»

Riportiamo di seguito in una nostra traduzione ampi stralci dell’omelia che il cardinale congolese Fridolin Ambongo Besungu, arcivescovo di Kinshasa, ha pronunciato il 30 giugno in occasione del 60esimo anniversario dell’indipendenza della Repubblica democratica del Congo.
Il cardinale, come si può capire da questa intervista a
Tempi, si è sempre battuto per liberare il suo paese dalla cattiva politica del dittatore Joseph Kabila, che ancora riesce a governare da dietro le quinte in spregio alla Costituzione e alla volontà popolare.

(altro…)

Card. Burke: il Preziosissimo Sangue e la battaglia per la vita umana

Lascia un commentoDevozione,Radici cristiane,Vita

Durante questo mese [di luglio] dedicato al Preziosissimo Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo, è opportuno riflettere sull’apostolato fondamentale, che promuove il rispetto per l’inviolabile dignità della vita umana, poiché Cristo ha versato il Suo Sangue per la salvezza di tutti gli uomini.

Esorto i soldati della vita a persistere, sempre più numerosi, nella battaglia contro la cultura della morte: non potremo mai accettare l’attacco ai nostri fratelli e sorelle, innocenti e indifesi.

È il Preziosissimo Sangue di Gesù che ci anima e ci mantiene forti per la battaglia“.

(altro…)

Nuovo Direttorio Catechesi: rilanciare il Catechismo autentico, NO al politicamente corretto

Lascia un commentoCatechismo della Chiesa Cattolica
Il dimenticato Compendio, strumento ineludibile per la Catechesi: solo 206 pagine, 6,17€ su Amazon

Urgente il ritorno al Catechismo della Chiesa Cattolica (S. Giovanni Paolo II) e del relativo Compendio (Benedetto XVI).
Scongliare l’uso di altri catechismi, fossero anche della CEI.

Il nuovo Direttorio per la Catechesi è un testo confuso che, benché non privo di verità, è ricco di luoghi comuni del politicamente corretto.
In definitiva, un testo da sconsigliare e che, fortunamente, non è ancora disponibile online.

Bene la condanna dell’ideologia gender, ma falso che sia propria di “una prospettiva di fede”: la lotta all’ideologia omosessualista nasce da una prospettiva di ragione e di natura.
Molto male l’apertura all’islam, nemico millenario e inconciliabile del cattolicesimo.

Scegliere ciò che è prioritario: in Italia 76.318 aborti procurati nel 2018 pari a 210 al giorno: un numero incomparabilmente superiore a quello dei clandestini.

I “poveri” e gli “utimi” non sono quelli che hanno pochi euro, ma sono i poveri spirituali, che in Italia sono milioni.
Chi più povero dell’ateo o dell’agnostico?
Indispensabile tornare al proselitismo e alla missione!
Senza dimenticare che la povertà corrente è conseguenza dell’azione del Governo di orientamento socialista e welfarista:

Importanza degli emarginati, ma i veri emarginati sono i cattolici, per giunta perseguitati, prima ancora di tutti gli altri.

Assurdo il rilievo dati ai temi ecologici, quando in Italia si sta per approvare una legge che vieterà ai cattolici di parlare.

Pertanto, dalla sintesi sottostante sono state tolte le parti più equivoche e scandalose. (altro…)

Vescovi Usa durissimi contro la magistratura suprema

1 CommentoTeorie di genere - omosessualismo

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito il 15 giugno che i datori di lavoro non possono licenziare i lavoratori a causa del loro orientamento sessuale o dell’identità di genere autodeterminata.

La decisione ha considerato un trio di casi di discriminazione dinanzi alla Corte, due dei quali hanno coinvolto dipendenti che hanno dichiarato di essere stati licenziati a causa del loro orientamento sessuale.
Un terzo caso ha coinvolto un uomo che ha perso il lavoro in una casa funebre del Michigan dopo un intervento chirurgico di transizione di genere ed è tornato al lavoro vestito da donna; la casa funeraria aveva politiche di abbigliamento specifiche per il sesso per i dipendenti. La questione controversa verteva sulle protezioni contro la discriminazione sessuale nel titolo VII della legge sui diritti civili e se queste si applicassero anche alla discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale e dell’identità di genere.
Lunedì, la maggioranza della Corte ha stabilito che «Un datore di lavoro che licenzia un individuo solo per essere gay o transessuale viola il Titolo VII».

(altro…)

Card. Burke: L’amore del Signore Eucaristico

Lascia un commentoChiesa,Tracce per omelie

+ Card. Raymond Leo Burke

L’amore del Signore Eucaristico
Per noi nella Chiesa

 

Nella festa del Corpus Domini, celebriamo con grande solennità il dono del Corpo e Sangue di Cristo, la Presenza Reale di Cristo, nel Santissimo Sacramento. La Santa Eucaristia è il cibo della vita stessa di Cristo per sostenerci nella fede, nella speranza e nella carità, senza limite o condizioni.
Mettiamo dunque da parte ogni dubbio, ogni paura e qualsiasi scoraggiamento nel fare la volontà di Dio.

(altro…)

Mons. Suetta (IM) sul DDL Zan: “Rischio di derive liberticide”

3 CommentiPersecuzione dei cristiani,Teorie di genere - omosessualismo

Riflessioni e preoccupazioni pastorali sulla proposta di legge contro i reati di omo e transfobia

Sanremo, 8 giugno 2020
+ Antonio Suetta, Vescovo di Ventimiglia – San Remo

 

La memoria liturgica dei Santi Carlo Lwanga e Compagni Martiri, celebrata il 3 giugno scorso, ha suscitato nel mio animo l’idea e l’esigenza di intervenire sul dibattito in corso per l’approvazione di una legge contro i reati di omofobia.
L’argomento merita, soprattutto in campo ecclesiale, peculiare attenzione e speciale chiarezza a tutela della libertà della Chiesa in ordine alla propria missione evangelizzatrice ed educativa.

I santi martiri ugandesi subirono il martirio nel 1886 per ordine del kabaka Mwanga II, re di Buganda (Uganda), infastidito anche per il rifiuto di quei suoi sudditi di soddisfare le sue pulsioni omosessuali.
La loro condizione di cristiani non solo non consentiva di cedere alle richieste immorali del sovrano, ma li portava a dichiararne illecite le imposizioni.

Il progetto di legge che vorrebbe sanzionare le accuse di omo e trans-fobia, interpella la mia coscienza di pastore.
Per amore della verità che “rende liberi” (Gv 8,32) e alla quale ho consacrato la mia vita, ritengo opportuno e doveroso intervenire, riaffermando alcuni concetti fondamentali della dottrina cattolica.

(altro…)

Vescovo tedesco manda a quel paese… la Conferenza Episcopale!

Lascia un commentoChiesa,Teorie di genere - omosessualismo

Mons. Dominikus Schwaderlapp, tutt’altro che conservatore, abbandona il Forum sinodale:
“Qui si parla di sessualità polivalente, non dell’insegnamento della Chiesa”.

Va precisato che, mentre ogni Vescovo è un successore dei dodici apostoli,
una conferenza episcopale esercita solo alcune “funzioni pastorali per i fedeli di quel territorio”.
Più che lecito, dunque, l’abbandono da parte di Mons. Schwaderlapp, di un forumcolo qualunque, anche se di emanazione diretta della Conferenza dei Vescovi tedeschi.

Perchè le Conferenze Episcopali non mutano il rapporto dei singoli Vescovi con le rispettive Chiese particolari (cfr. Apostolos suos).

Ecco l’articolo dello staff della CNA nella traduzione di Sabino Paciolla:

(altro…)

L’imminente società senza Cristo del… “Signore delle mosche”

1 CommentoFede e ragione,Socialismo

di Roberto Marchesini

Un nuovo studio del Guardian, che svela la storia vera che ispirò il racconto, ripercorre la tesi del celebre romanzo di Golding Il signore delle mosche, come simbolo della natura violenta e brutale dell’uomo, della quale solo la civiltà impedisce l’emergere.
Ma ad una più attenta lettura, si può affermare che Golding non ha torto: ha soltanto ritratto la società senza la Chiesa cattolica, fondata da Cristo. 

 

Qualche giorno fa, sul quotidiano liberal The Guardian, è apparso un interessante articolo firmato dallo storico olandese Rutger Bregman. È, sostanzialmente, una verifica delle tesi che sorreggono il celebre romanzo Il signore delle mosche, del premio Nobel William Golding (1911 – 1993).

La storia è nota. C’è una guerra non specificata; un gruppo di ragazzini, membri del coro di una scuola inglese, stanno viaggiando in aereo quando questo si schianta su un’isola.
I ragazzi si trovano quindi a dover sopravvivere e organizzare la convivenza senza degli adulti a guidarli e proteggerli.
I ragazzi vivono dunque in uno «stato di natura», senza una civiltà a determinare le loro vite.

Cosa accadrà?
Purtroppo accadrà tutto il peggio possibile.
I ragazzi cominciano a litigare per il potere e si dividono in due gruppi: i cacciatori e gli altri. Emerge la paura di un mostro e si creano una divinità: infilzano la testa di un maiale su un palo e cominciano a trattarla come una divinità.
Il signore delle mosche, Belzebù.

(altro…)

Iscriviti per restare aggiornato con le nostre notizie!

Ricevi la nostra newsletter completamente gratuita

Iscriviti per restare aggiornato con le nostre notizie!

Ricevi la nostra newsletter completamente gratuita