Totus tuus - Martirologio romano

Martirologio romano

7 Maggio

San Stanislao, Vescovo di Cracovia e Martire, il quale nel seguente giorno conseguì la corona del martirio.

A Terracina, nella Campania, il natale della beata Flavia Domitilla, Vergine e Martire, la quale, essendo figlia di santa Plautilla, sorella del santo Martire Flavio Clemente Console, ed essendo stata consacrata col sacro velo dal Pontefice san Clemente, da prima, nella persecuzione di Domiziano, per la testimonianza di Cristo, con moltissimi altri deportata in esilio nell'isola Ponza, ivi sopportò un lungo martirio. Finalmente, condotta a Terracina, avendo colla dottrina e coi miracoli convertito moltissimi alla fede di Cristo, per ordine del Giudice appiccato il fuoco alla camera, nella quale abitava insieme colle sue Vergini Eufrosina e Teodora, finì il corso del glorioso martirio. La stessa Domitilla però, insieme coi santi Martiri Nereo, Achilleo e Pancrazio, viene festeggiata il dodici di questo mese.

Nello stesso giorno san Giovenale Martire.

A Nicomedia i santi Martiri fratelli Flavio, Augusto ed Agostino.

Nello stesso luogo san Quadrato Martire, il quale, nella persecuzione dell'Imperatore Decio, posto più volte ai tormenti, da ultimo, decapitato, compì il martirio.

A York, in Inghilterra, san Giovanni Vescovo, illustre per la vita e per i miracoli.

A Pavia san Pietro Vescovo.

A Roma la Traslazione del corpo di santo Stefano Protomartire, che, al tempo del Papa Pelagio primo, da Costantinopoli portato a Roma e deposto nel sepolcro di san Lorenzo Martire al campo Verano, vi è onorato con grande pietà dai devoti.