Avvenire – Presto beato Papa Paolo VI

Papa

Avvenire 6-5-14

Paolo VI, Papa della vita, passo verso gli altari

Non si è ancora spenta l’eco della canonizzazione di Giovanni Paolo II e Giovanni XXIII ed ecco che un altro Papa, Paolo VI, starebbe per compiere un passo decisivo verso la gloria degli altari. Per Giovanni Battista Montini si tratta naturalmente della beatificazione, che ora sarebbe davvero a portata di mano, anche se mancano conferme ufficiali da parte della Sala Stampa della Santa Sede. Secondo le notizie trapelate ieri, comunque, la Congregazione per le cause dei santi avrebbe concluso l’esame scientifico-teologico del miracolo attribuito all’intercessione del Pontefice e anche i cardinali avrebbero espresso il loro parere favorevole. Ora, dunque, per procedere alla beatificazione mancherebbe solo la parola del Papa. In pratica Francesco dovrebbe pronunciarsi autorizzando la promulgazione del decreto sul miracolo. E a quel punto rimarrebbe solo da fissare la data.

(altro…)

Vaticano – I santi mandano avanti e fanno crescere la Chiesa

Papa

SANTA MESSA E CANONIZZAZIONE DEI BEATI GIOVANNI XXIII EGIOVANNI PAOLO II

OMELIA DEL SANTO PADRE FRANCESCO

Piazza San Pietro
II Domenica di Pasqua (o della Divina Misericordia), 27 aprile 2014

Al centro di questa domenica che conclude l’Ottava di Pasqua, e che san Giovanni Paolo II ha voluto intitolare alla Divina Misericordia, ci sono le piaghe gloriose di Gesù risorto.

(altro…)

Vaticano – Prendere il crocifisso in mano e baciarlo tanto, tanto

Papa

PAPA FRANCESCO

UDIENZA GENERALE

Piazza San Pietro
Mercoledì, 16 aprile 2014

Cari fratelli e sorelle, buongiorno!

Oggi, a metà della Settimana Santa, la liturgia ci presenta un episodio triste: il racconto del tradimento di Giuda, che si reca dai capi del Sinedrio per mercanteggiare e consegnare ad essi il suo Maestro. «Quanto mi date se io ve lo consegno?». Gesù in quel momento ha un prezzo. Questo atto drammatico segna l’inizio della Passione di Cristo, un percorso doloroso che Egli sceglie con assoluta libertà. Lo dice chiaramente Lui stesso: «Io do la mia vita… Nessuno me la toglie: io la do da me stesso. Ho il potere di darla e il potere di riprenderla di nuovo» (Gv 10,17-18). E così, con questo tradimento, incomincia quella via dell’umiliazione, della spogliazione di Gesù. Come se fosse nel mercato: questo costa trenta denari…. Una volta intrapresa la via dell’umiliazione e della spogliazione, Gesù la percorre fino in fondo.

(altro…)

Vaticano – Una sola miseria: non vivere da figli di Dio e fratelli di Cristo

Papa

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE
FRANCESCO
PER LA QUARESIMA 2014

Si è fatto povero per arricchirci con la sua povertà (cfr 2 Cor 8,9)

 

Cari fratelli e sorelle,

in occasione della Quaresima, vi offro alcune riflessioni, perché possano servire al cammino personale e comunitario di conversione. Prendo lo spunto dall’espressione di san Paolo: «Conoscete infatti la grazia del Signore nostro Gesù Cristo: da ricco che era, si è fatto povero per voi, perché voi diventaste ricchi per mezzo della sua povertà» (2 Cor 8,9). L’Apostolo si rivolge ai cristiani di Corinto per incoraggiarli ad essere generosi nell’aiutare i fedeli di Gerusalemme che si trovano nel bisogno. Che cosa dicono a noi, cristiani di oggi, queste parole di san Paolo? Che cosa dice oggi a noi l’invito alla povertà, a una vita povera in senso evangelico?

(altro…)

Libero – A un anno dalla rinuncia di Benedetto XVI: quali le cause?

Papa

CHI HA SPINTO PAPA BENEDETTO A MOLLARE (E PERCHE’)

di Antonio Socci

Da “Libero”, 9 febbraio 2014

Chi, come e perché ha determinato quel “ritiro” di Benedetto XVI – esattamente un anno fa – che rappresenta un evento unico nella storia della Chiesa, traumatico e  tuttora non chiaro nelle sue implicazioni e nelle sue conseguenze?

Spesso si è buttata la croce addosso al povero Paolo Gabriele, il cameriere di Vatileaks, ma è vero l’esatto contrario: se c’era una persona che avrebbe voluto che papa Benedetto potesse esercitare pienamente il suo mandato era proprio lui.

Del resto il mio scoop, uscito su queste colonne il 25 settembre 2011, dimostra che Ratzinger aveva già deciso quel “ritiro” ben prima dell’inizio di Vatileaks e l’aveva previsto – come scrissi – allo scoccare degli 85 anni. Esattamente quello che poi è avvenuto.

Ma allora chi, come e perché – prima di Vatileaks – ha creato una situazione che ha indotto il papa a valutare di non poter più sostenere la lotta?

(altro…)

AsiaNews – Alla radice dei conflitti la negazione della dignità umana

Papa

AsiaNews.it – 13/01/2014 13:21
VATICANO
Papa: a "ferire la pace" non solo le guerre, ma anche "qualsiasi negazione della dignità umana"

Nel discorso ai diplomatici la speranza per la fine del conflitto in Siria, la preoccupazione per Libano e Iraq, la preghiera per la riunificazione delle Coree, la disponibilità verso la Cina, i drammi africani e le violenze contro i cristiani. La mancanza della "cultura dell'incontro" e lo "scarto" di persone ritenute "inutili", come gli anziani o i bambini abortiti. L'"avido sfruttamento delle risorse ambientali".

(altro…)

La Stampa – Il Natale è speranza e tenerezza

Papa

"Mai avere paura della tenerezza"

Intervista con papa Francesco su Natale, fame nel mondo, sofferenza dei bambini, riforma della Curia, donne cardinale, Ior e prossimo viaggio in Terra Santa

Andrea Tornielli – La Stampa 16/12/2013
Città del Vaticano

«Il Natale per me è speranza e tenerezza…». Francesco racconta a «La Stampa» il suo primo Natale da vescovo di Roma. Casa Santa Marta, martedì 10 dicembre, ore 12.50. Il Papa ci accoglie in una sala accanto al refettorio.

L'incontro durerà un'ora e mezza. Per due volte, durante il colloquio, dal volto di Francesco sparisce la serenità che tutto il mondo ha imparato a conoscere, quando accenna alla sofferenza innocente dei bambini e parla della tragedia della fame nel mondo. Nell'intervista il Papa parla anche dei rapporti con le altre confessioni cristiane e dell'«ecumenismo del sangue» che le unisce nella persecuzione, accenna alle questioni del matrimonio e della famiglia che saranno trattate dal prossimo Sinodo, risponde a chi lo ha criticato dagli Usa definendolo «un marxista» e parla del rapporto tra Chiesa e politica.

(altro…)