Mons. Camisasca (RE): alla base di BIBBIANO c’è ideologia anti-famiglia

Persecuzione dei cristiani,Socialismo,Teorie di genere - omosessualismo

Sharing is caring!

Secondo il vescovo di Reggio Emilia, mons. Massimo Camisasca, i fatti al centro dell’inchiesta sugli affidi famigliari illeciti nella provincia emiliana sono gravi e hanno una radice ideologica anti-famiglia.

In Italia, continua a scuotere l’opinione pubblica e a dividere il mondo politico la cosiddetta vicenda di ‘Bibbiano’, il comune al centro di una vasta inchiesta della Procura di Reggio Emilia su un presunto giro di affidi illeciti nella Val d’Enza reggiana. L’iniziativa giudiziaria, che ha portato i carabinieri ad eseguire misure cautelari nei confronti di diciotto persone, riferisce di ‘lavaggi del cervello’ ai bambini per raccontare abusi che non ci sono mai stati, relazioni dei servizi sociali falsate e minorenni sottratti illegittimamente alle famiglie naturali e affidati ad altre, per un business di migliaia di euro. Coinvolti, in diversi modi, politici, medici, assistenti sociali, liberi professionisti, psicologi e psicoterapeuti di una Onlus di Torino. In relazione ai fatti di Bibbiano, il ministro della giustizia Bonafede ha annunciato la creazione di una ‘Squadra speciale di giustizia per la protezione dei bambini’ e il ministro dell’interno Salvini ha affermato che sarà presentata in Parlamento la proposta di una commissione d’inchiesta sulle case famiglia.

Per una riflessione sull’inchiesta e sulle reazioni che sta suscitando, Radio Vaticana Italia ha sentito mons. Massimo Camisasca, vescovo di Reggio-Emilia.
Ascolta l’intervista a mons. Camisasca qui: https://media.vaticannews.va/media/audio/s1/2019/07/25/13/135147778_F135147778.mp3

R. – Attraverso i giornali ho la percezione di un problema serio, che ha al suo cuore i bambini. E quando si tratta di bambini, si tratta evidentemente della realtà più significativa, più preziosa ed importante, oserei dire quasi divina, che abbiamo nella nostra realtà sociali e a cui deve essere prestata una attenzione somma. E mi sembra che in taluni casi, per quello che posso capire dai giornali, questa attenzione somma non solo non ci sia stata, ma ci sia stata anche e addirittura una prevaricazione ideologica. E cioè i bambini sono stati usati per e in nome di un progetto ideologico. Naturalmente tutto questo è da dimostrare, la magistratura ha tutto il mio apprezzamento per il lavoro che sta facendo e che immagino sarà ancora lungo. Purtroppo, tutto quello che filtra ci induce a pensare che qualcosa di grave sia avvenuto, e questo più che dividerci in posizioni e fazioni politiche, deve invece unirci nell’attenzione verso i bambini.

Nonostante l’inchiesta sia ancora in corso, le accuse hanno provocato un moto di indignazione popolare piuttosto vasto: è comprensibile secondo lei?

R. – Sì, è molto comprensibile, perché, laddove si toccano i bambini, come ho detto prima, si tocca il bene più prezioso che abbiamo. E quindi la gente è preoccupata, perché non ha punti di riferimento, non sa dove attingere per capire cosa è successo e cosa sta dietro a ciò che è successo. Naturalmente la gente non deve essere strumentalizzata, e questa paura non deve diventare una ragione per sobillare anche una rivolta politica. Piuttosto, invece, io vedo che tutti dobbiamo farci carico di questa situazione grave, una situazione provocata dalle ideologie anti-familistiche che sono il retroterra di tutto ciò che è avvenuto. Sappiamo tutti che la realtà delle famiglie è una realtà fragile ma si è voluto ulteriormente infragilirla, creando le famiglie accanto alla famiglia, e quindi togliendo alla famiglia il sostegno che essa deve avere come realtà umana, e quindi come realtà che può essere percorsa da un’infinità di fragilità ed errori. Esistono delle famiglie ‘bacate’, ma anche – grazie a Dio – un numero enorme di famiglie preziose, in cui i bambini vengono alla luce – perché c’è anche un gravissimo problema demografico –, e poi sono accolti, anche se sono affetti dalla sindrome di Down o se si trovano in difficoltà, e poi vengono educati e rappresentano una benedizione. In queste famiglie la crescita dei figli è segnata da problemi, difficoltà e delusioni però è una crescita in avanti. Tutto questo, laddove viene messo in discussione, naturalmente, indebolisce il rapporto genitori-figli.

L’inchiesta di Bibbiano riguarda i servizi sociali e le associazioni che tutelano i minori dagli abusi: che impatto potrebbe avere su questo settore?

R. – Innanzitutto penso che sia fondamentale riconoscere che in Italia ci sono migliaia e migliaia di realtà associate che si occupano di bambini in affido e in accoglienza, quindi c’è tutta una realtà molto positiva, sia di origine cattolica sia di origine laica che va sostenuta, va difesa e non va demonizzata. Non possiamo confondere le cose. Nello stesso tempo c’è bisogno di guardare bene dentro alla realtà delle associazioni di psicologi e di assistenti sociali perché svolgano in modo saggio il loro lavoro.

C’è il rischio di strumentalizzazione politica di questa vicenda anche a detrimento della tutela delle famiglie e dei minori stessi?

R. – Nel nostro Paese si strumentalizza tutto, tutto diventa una ragione per sostenere o abbattere un governo, per accusare o per difendere il tale e talaltro partito, il tale e talaltro personaggio… Dobbiamo assolutamente prescindere, uscire da questa logica. Dobbiamo piuttosto preoccuparci dei trend culturali e dei trend ideologici, che naturalmente attraversano anche i partiti, ma che determinano direttamente questa visione sbagliata della famiglia, dei rapporti fra genitori e figli e della necessità di “punire” la famiglia quando invece anderebbe sostenuta, aiutata e appoggiata.

Fabio Colagrande – Città del Vaticano
fonte: https://www.vaticannews.va/it/mondo/news/2019-07/bibbiana-mons-camisacra-base-ideologia-anti-famiglia.html

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *