Il Card. Muller sull’omosessualismo nella Chiesa

Chiesa,Teorie di genere - omosessualismo

Sull’omo-eresia:Non il clericalismo, qualunque esso sia, ma l’allontanamento dalla verità e la licenza morale sono le radici del male”.
La corruzione della dottrina comporta e si manifesta sempre nella corruzione della morale

Ampi stralci (nella traduzione via Google translate) del discorso del card. Gerhard Cardinale Müller pronunciato per l’ordinazione sacerdotale del fratello Michael Sulzenbacher SJM nella chiesa di Sant’Agnese in Agone il 15.9.2018 – Fonte: Kat.net

 

(…) La chiesa, fondata da Dio e composta da esseri umani, si trova tuttavia – secondo il suo lato umano – in una profonda crisi di credibilità. In questo momento drammatico sospettiamo e temiamo le possibili conseguenze negative degli scandali e degli errori delle guide. Pensiamo involontariamente alla divisione del cristianesimo occidentale nel XVI secolo o alla secolarizzazione della vita spirituale sulla scia dell’Illuminismo e della Rivoluzione francese.

Non il clericalismo, qualunque esso sia, ma l’allontanamento dalla verità e dalla licenza morale sono le radici del male. La corruzione della dottrina comporta e si manifesta sempre nella corruzione della morale. Il grave peccato contro la santità della Chiesa senza rimorso è il risultato della relativizzazione del fondamento dogmatico della Chiesa. Questa è la vera ragione dello shock e della delusione di milioni di cattolici devoti. Nell’analisi delle cause delle secessioni dell’unica Chiesa di Cristo nel XVI secolo, lo storico della Chiesa Hubert Jedin (1900-1980) ha dichiarato nel primo volume della sua “Storia del Concilio di Trento”: “La parola riforma ha nascosto l’eresia e l’emergente secessione della chiesa”. (I, 151).

Poi, come ora, si è parlato molto di riforma.
Che cosa c’è dietro la formula propagandistica abbagliante e mediatica “riforma della curia e di tutta la chiesa” se non si intende – come spero vivamente – il rinnovamento nella verità della rivelazione e della sequela di Cristo? La vera riforma non è la secolarizzazione della chiesa, ma la santificazione del popolo per Dio.

Non è una riforma, ma una falsa dottrina pensare che la dottrina della Chiesa può esistere, ma per i deboli dobbiamo inventare un nuovo ministero pastorale che soddisfi le esigenze della verità della Parola di Dio e della morale cristiana.

La redenzione dal peccato si basa sulla verità che Gesù è il Figlio di Dio. Senza la verità dell’incarnazione la chiesa si ridurrebbe ad un’agenzia di miglioramento del mondo interiore. Il nostro desiderio di Dio e il desiderio di vita eterna non avrebbe senso. Il sacerdote sarebbe solo il funzionario di un movimento socio-religioso. La Chiesa non acquista rilevanza e accettazione se porta le tracce dello Zeitgeist nel mondo, ma solo se porta avanti la fiaccola con la verità di Cristo. Non dobbiamo renderci importanti con questioni secondarie e lavorare sull’agenda di altri che non vogliono credere che Dio da solo è l’origine e l’unico obiettivo dell’uomo e di tutta la creazione.

Il vero pericolo per l’umanità oggi sono i gas serra del peccato e il riscaldamento globale dell’incredulità e la disintegrazione della morale, quando nessuno conosce e insegna la differenza tra bene e male. Il miglior ambientalista e amante della natura è il predicatore del vangelo che (dice che) c’è sopravvivenza solo con Dio, non limitata, ma per sempre e per sempre.

Nell’opinione che il dogma cristiano non è più la ragione e il criterio della morale e della cura pastorale, emerge un’eresia cristologica. Questo consiste nel mettere in opposizione Cristo, maestro della verità divina, e Cristo, il buon pastore. Cristo, invece, è la stessa persona. Non tacque davanti a Pilato, ma “fece una buona confessione e si alzò in piedi come testimone della verità” (1 Tim 6,6).  (1 Tim 6,14). Gesù affronta il relativismo di Pilato, che incarna il cinismo del potere mondano, con il potere redentore della verità di Dio: “Sì, io sono un re. Sono nato e sono venuto nel mondo per testimoniare la verità. Chiunque sia della verità ascolta la mia voce”. (Giovanni 18:37).

Un solo e medesimo Cristo dice di se stesso “Io sono la via e la verità e la vita” (Gv 14,6), che anche come pastore bonus è la pastorale della Chiesa in persona quando rivela il mistero della sua persona e della sua missione: “Io sono il buon pastore. Il buon pastore dà la vita per le pecore”. (Giovanni 10:11).

Essere testimoni della verità di Cristo e servi del Buon Pastore: questo è il mistero e l’origine del sacerdozio sacramentale nella Chiesa della Nuova Alleanza.

L’unico alto sacerdozio del “pastore esaltato delle sue pecore” (Eb 13,20) esclude ogni altra via a Dio se non attraverso Gesù Cristo, ma include la realizzazione sacramentale ed ecclesiastica della salvezza ottenuta una volta per tutte da Cristo, in quanto Cristo stesso ha stabilito il ministero e la missione degli apostoli.  Nell’Ordine Sacro l’autorità e la missione apostolica viene trasferita ai vescovi e ai sacerdoti.

Così, caro confratello, in quest’ora si applica a te la parola di San Paolo al suo collega apostolo e successore Timoteo: “Fuggi dalla falsa dottrina, sii servo della parola, annunciatore della vera fede e combattente per la verità di Cristo. Così afferrate la vita eterna alla quale siete stati chiamati e per la quale avete fatto una buona confessione davanti a molti testimoni”.  (1 Tim 6,12). (…)

(…) Il buon pastore è diverso dal mercenario perché ama le persone con il Cuore di Gesù e Maria e perché usa la sua vita per il gregge del Signore. L’apostolo è “collaboratore di Dio, servo di Cristo, amministratore e dispensatore dei misteri divini” (1 Cor 4,1; 2 Cor 6,1). Gli interessa solo una cosa: “conquistare le persone per Cristo in soggezione del Signore” (2 Kor 5,1; 2 Kor 6,1).  (2 Kor 5,11). Gli è stato affidato il ministero della riconciliazione per la proclamazione e la mediazione sacramentale. E quindi i sacerdoti ordinati, come gli apostoli, sono “messaggeri al posto di Cristo, ed è Dio che, attraverso di loro, vi esorta alla riconciliazione con Dio”. (2 Kor 5.20).

Certamente egli si trova anche nelle file dei fedeli e sulla via del pellegrinaggio terreno – come tutti noi – ha bisogno della grazia per la sua opera spirituale e del perdono di Dio per i suoi peccati e le sue omissioni. La verità della fede che egli proclama e la salvezza che egli trasmette nei sacramenti, tuttavia, grazie a Dio, non dipende dalla profondità della sua spiritualità o dall’alta moralità della sua vita, ma dall’effetto salvifico oggettivo dei sacramenti. Cristo infatti si serve degli uomini, ma non si affida a loro nelle sue opere di salvezza.  Mentre Cristo era senza peccato, tuttavia, tutti i credenti e i loro pastori hanno bisogno del perdono. La confessione dei nostri peccati appartiene al confessionale. Ma quando le persone consacrate conducono una doppia vita in cinico disprezzo della loro vocazione, questi atti appartengono alla corte spirituale. Gli atti malvagi devono essere condannati dall’autorità ecclesiastica, i trasgressori diretti secondo la legge devono essere puniti. Colui che considera il diritto penale ecclesiastico incompatibile con il vangelo dell’amore non agisce per misericordia, ma per disprezzo verso persone che sono state ingannate sui loro diritti e sulla loro dignità. “Guai al mondo con la sua seduzione. Ci devono essere scandali, ma guai all’uomo che è da biasimare per loro”. (Mt 18:7). Questo vale in modo particolare per coloro che, attraverso il ministero dello Spirito, sono diventati modelli di ruolo, typoi, per i fedeli e sono stati rafforzati nella santa consacrazione con lo Spirito Santo.
(…)

da: https://www.sabinopaciolla.com/abusi-card-muller-non-il-clericalismo-ma-lallontanamento-dalla-verita-e-la-radice-del-male/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *