Totus tuus - Il Santo del giorno

Il Santo del giorno

25 gennaio


Conversione di San Paolo Apostolo

La festa liturgica della «conversio sancti Pauli», che appare già nel VI secolo, è propria della Chiesa latina. Poiché il martirio dell'apostolo delle Genti viene commemorato a giugno, la celebrazione odierna offre l'opportunità di considerare da vicino la poliedrica figura dell'Apostolo per eccellenza, che scrisse di se stesso: «Io ho lavorato più di tutti gli altri apostoli», ma anche: «Io sono il minimo fra gli apostoli, un aborto, indegno anche d'essere chiamato apostolo».

Adduce egli stesso le credenziali che gli garantiscono il buon diritto di essere considerato apostolo: egli ha visto il Signore, Cristo Risorto, ed è, perciò, testimone della risurrezione; egli pure è stato inviato direttamente da Cristo, come i Dodici: visione, vocazione, missione, tre requisiti che egli possiede, per quel miracolo della grazia avvenuto sulla via di Damasco, dove Cristo lo costringe a una incondizionata capitolazione, sicché egli grida: «Signore, che vuoi che io faccia?». Nelle parole di Cristo è rivelato il segreto della sua anima: «Ti è duro ricalcitrare contro il pungolo». È vero che Saulo cercava «in tutte le sinagoghe di costringere i cristiani con minacce a bestemmiare», ma egli lo faceva in buona fede e quando si agisce per amore di Dio, il malinteso non può durare a lungo. Affiora l'inquietudine, cioè «il pungolo» della grazia, il guizzo della luce di verità: «Chi sei tu, Signore?»; «lo sono Gesù che tu perseguiti». Questa mistica irruzione di Cristo nella vita di Paolo è il crisma del suo apostolato e la scintilla che gli svelerà la mirabile verità della inscindibile unità di Cristo con i credenti.

Questa esperienza di Cristo alle porte di Damasco, che egli paragona con l'esperienza pasquale dei Dodici e con il fulgore della prima luce della creazione, sarà il «leit Motiv» della sua predicazione orale e scritta. Le quattordici lettere che ci sono pervenute, ognuna delle quali mette a nudo la sua anima con rapide accensioni, ci fanno intravedere il miracolo della grazia operato sulla via di Damasco, incomprensibile per chi voglia cercarne una spiegazione puramente psicologica, ricorrendo magari all'estasi religiosa o, peggio, all'allucinazione.

S. Paolo trarrà dalla sua esperienza questa consolante conclusione: «Gesù è venuto nel mondo per salvare i peccatori, dei quali io sono il primo. Appunto per questo ho trovato misericordia. In me specialmente ha voluto Gesù Cristo mostrare tutta la sua longanimità, affinché io sia di esempio per coloro che nella fede in Lui otterranno d'or innanzi la vita eterna».

Tratto da www.lalode.com

 

San Publio

Il nome, tipicamente romano, del Santo di oggi, figura dieci volte nel calendario cristiano (una al femminile).
Morì verso il 400, ed è conosciuto come Publio di Zeugma. Le notizie su di lui ci provengono dallo storico Teodoreto di Ciro: apparteneva a una famiglia di rango senatoriale e veniva da Zeugma, città nota anche come Seleucia, sull’Eufrate.
Alla morte dei genitori, vendette tutta l’eredità e ne distribuì il ricavato ai poveri, poi si allontanò dalla città circa "trenta stadi".
Si costruì una celletta in un luogo elevato e lì rimase in eremitaggio.
Pregando, salmeggiando e meditando la Scrittura, accoglieva gli stranieri di passaggio che si fermavano a chiedere consiglio e conforto.
Molti di questi vollero diventare suoi discepoli, ma egli non intendeva fondare comunità. Quelli, cocciuti, si fecero delle celle tutt’attorno e obbedirono al loro maestro sebbene questo non avesse alcuna voglia di comandarli.
A un certo punto furono troppi e fu giocoforza creare un monastero. Anzi, due, uno di lingua greca e uno di lingua siriana. I monaci si riunivano per l’Ufficio formando due cori che alternavano la recita dei versetti, uno in greco e uno in siriaco.

Si ringrazia lo scrittore cattolico Rino Cammilleri
per aver acconsentito alla diffusione di queste brevi vite di santi,
tratte dal suo volume
Un santo al giorno edito da PIEMME