Totus tuus network: Arte

Cerca in questo argomento:   
[ Vai in Home | Seleziona un nuovo argomento ]

il Foglio

Dio, la musica, la fede. Parola a Benedetto XVI

di Matteo Matzuzzi | 04 Luglio 2015

Di seguito, il testo del discorso integrale tenuto questa mattina dal Papa emerito Benedetto XVI a margine della consegna, da parte della Pontificia Università "Giovanni Paolo II" di Cracovia e dell'Accademia di Musica di Cracovia, del dottorato honoris causa.

Argomento: Arte

Tempi.it

Io, cardinale, convertito dallo spettacolo moderno eppure cattolicissimo della Sagrada Familia

Febbraio 16, 2015 George Pell

Il “ministro dell’Economia” di papa Francesco, George Pell, racconta la sua visita sconvolgente a Barcellona. Dove ha scoperto che la basilica di Gaudí sa parlare di Cristo alle persone come nessun altro posto al mondo

Già arcivescovo di Sydney e primate d’Australia, il cardinale George Pell è stato nominato da papa Francesco prefetto della Segreteria per l’Economia della Santa Sede. Proponiamo di seguito in una nostra traduzione il suo articolo dedicato alla Sagrada Familia di Barcellona, la basilica che secondo il porporato «può salvare la Chiesa in Europa». Il testo è apparso originariamente nel numero di febbraio 2015 delCatholic Herald e riprodotto integralmente in inglese in questa pagina.

Argomento: Arte

Tempi.it

Grande successo in Francia per il film Cristiada, che ha già lasciato 25 mila spettatori «sconvolti e commossi fino alle lacrime»

maggio 25, 2014 Leone Grotti

Intervista a Hubert de Torcy, presidente di Saje, piccola casa che ha distribuito la pellicola e ha vinto la scommessa. E per il sito di riferimento francese per il cinema è tra i «migliori film di tutti i tempi»

Argomento: Arte

il Foglio 7 febbraio 2014

La promessa mantenuta di Corti, ignorato dai critici e amato dai lettori

Un giovane ufficiale arranca nel gelo della Russia, tra le file incespicanti della ritirata italiana. Innumerevoli, in quella che verrà chiamata la Valle della Morte, cadono per non rialzarsi più. E quel giovane sussurra una preghiera col fiato congelato. Implora Maria di sopravvivere, e promette di dedicarsi a raccontare tutto. Quello stesso giovane, Eugenio Corti, si è spento due giorni fa, a novantadue anni, dopo aver dedicato anni di scrittura a servizio di quel voto lontano, ancora e ancora, per mezzo della saggistica, del teatro e soprattutto di tanta narrativa.

Argomento: Arte

PROUST E IL SEGRETO DELLE CATTEDRALI (CHE QUESTA EUROPA NON CONOSCE PIU’)

Libero 1-12-2013

di Antonio Socci

Inabissato nei sondaggi al 15 per cento di (im)popolarità, il minimo storico, François Hollande è contestato per i suoi fallimenti politici (sciopero nelle scuole) ed economici (il Pil è in calo e la ripresina è abortita).

Perfino con la legge Taubira (adozioni a coppie gay) si è trovato contro una sorprendente maggioranza popolare.

Così cerca diversivi. E’ il vecchio trucco dei governanti che si inventavano una guerra per distrarre dai loro disastri. Hollande a settembre voleva a tutti i costi la guerra alla Siria, ma è saltata perché si sono messi di traverso il Papa e la Russia.

Argomento: Arte

Settimo Cielo

Il canto nuovo del Maestro Domenico Bartolucci

“La musica è Arte con la ‘A’ maiuscola. La scultura ha il marmo, l’architettura l’edificio… La musica la vedi solo con gli occhi dello spirito, ti entra dentro. E la Chiesa ha il merito di averla coltivata nelle sue cantorie, di averle dato la grammatica e la sintassi. La musica è l’anima della parola che diventa arte. In definitiva, ti dispone a scoprire e accogliere la bellezza di Dio. Per questo più che mai oggi la Chiesa deve sapersene riappropriare”.

Così Domenico Bartolucci, ultimo grande maestro della Cappella Sistina, fatto cardinale da Benedetto XVI, concludeva una fiammeggiante intervista al musicologo dell’Espresso Riccardo Lenzi:

> Ho fatto un sogno: è risorta la musica di Palestrina e Gregorio Magno

> I Had a Dream: The Music of Palestrina and Gregory the Great Had Come Back

Era il 2006 e Bartolucci era sulla soglia dei 90 anni. Dall’alba di oggi, 11 novembre 2013, festa di san Martino, in cielo sono gli angeli a cantare con lui il canto nuovo.

Quell’intervista è tutta da rileggere. Attualissima.

Argomento: Arte

Avvenire 1 agosto 2013
Chesterton: viaggio intorno alla mia casa

​Sono diversi gli appuntamenti in salsa GKC al Meeting. Oltre alla mostra su casa Chesterton, lunedì 19 e martedì 20 (ore 21.30) al teatro Novelli di Rimini va in scena «Manalive, un uomo vivo - giallo senza delitto», commedia tratta dall’omonimo romanzo scritta da Giampiero Pizzol, regia di Otello Cenci, con Gianluca Reggiani, Andrea Soffiantini, a cura di Made Officina Creativa e Compagnia Bella. Mercoledì 21 agosto alle ore 11.15 (Eni Caffè Letterario) viene presentato il libro «Uomo vivo» (Lindau), presenti Gloria Gaarafulich, managing editor della “Chesterton Review”, Marco Sermarini, presidente della Società Chestertoniana Italiana, e Annalisa Teggi.
 

Argomento: Arte

PAPA FRANCESCO E “IL SIGNORE DEGLI ANELLI”: LA VIA PER LA SALVEZZA

9 giugno 2013 / Libero

di Antonio Socci

Giovanni Paolo II è stato un grande papa condottiero della libertà. Benedetto XVI è stato il vero illuminista – ha inondato di luce razionale illuminata dalla fede – un occidente ottenebrato dall’irrazionalità nichilista.

Ma né l’uno né l’altro sono stati ascoltati da questa Europa in declino che sembra correre verso il baratro.

Così – per uno spettacolare colpo di fantasia del Conclave (e dello Spirito Santo) – è arrivato papa Francesco che parla più ai piccoli e ai semplici cristiani che alle élite, alle accademie e ai salotti. Col risultato che le élite non lo capiscono. Esce da tutti i loro schemi mentali.

Ebbene, per sintonizzarsi con questo pontificato secondo me bisogna leggere “Il Signore degli Anelli” di John R. R. Tolkien. O meglio rileggerlo attraverso l’interpretazione che ne dà un monaco benedettino, Giulio Meiattini, nel libro “La discrezione di Dio”. Interpretazione che ha, sullo sfondo, il libro di Paolo Gulisano, “Tolkien: il mito e la grazia”, opera che ha il merito di mettere a fuoco la cattolicità di Tolkien.

Argomento: Arte

Avvenire - 19 aprile 2013

TEATRO
Claudia Koll: «Ecco il mio musical per padre Kolbe»

Al centro c’è l’idea del dono. Quello che padre Massimiliano Kolbe fece della propria vita a Dio e agli uomini. E – anche se più modestamente, come tiene a precisare lei stessa – quello che Claudia Koll vuole fare ai giovani, raccontando nel suo nuovo spettacolo (che debutta stasera, ore 21, al Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno) la vita e la morte del martire di Auschwitz. «Giovanni Paolo II lo definì "patrono particolare dei nostri tempi difficili" – afferma l’attrice che dello spettacolo è anche regista –. E davvero penso sia una figura di grande attualità, che ha tanto da insegnare ai ragazzi di oggi. Questo musical è dedicato proprio a loro»

Argomento: Arte

Avvenire 1 novembre 2012 FICTION

Pupi Avati: «Mostro il vero matrimonio al grande pubblico della tv»

Il salotto della casa romana di Pupi Avati è un luogo caldo, accogliente, dove si respira la storia nei numerosi quadri del settecento e bronzetti risorgimentali, fra i quali campeggia un’unica foto in cornice d’argento: una giovane e bella ragazza bruna all’altare col suo sposo. «Ho voluto ricostruire la casa della mia infanzia a Bologna – ci accoglie sorridente il maestro Avati –. Quella lì nella foto è mia figlia Maria Antonia. Ho anche due maschi, sposati pure loro, più un bel po’ di nipotini. Il mio matrimonio è anche tutto questo». Ed è proprio ispirandosi al suo matrimonio che dura da ben 48 anni con la moglie Nicola e a quello dei suoi genitori che il grande regista ha scritto, prodotto e diretto la fiction Un matrimonio, coprodotta da Rai Fiction che dovrebbe essere trasmessa a inizio anno su Raiuno. Il regista l’ha consegnata proprio ieri alla Rai, ed è emozionato come se avesse avuto un altro nipotino. «La gestazione è stata lunga e complessa, ma finalmente...».

Argomento: Arte

Gesù chiama, Matteo risponde

Ma chi è il futuro apostolo, nel celeberrimo quadro del Caravaggio? L'uomo con la barba o il giovane che raccoglie i denari? Due storiche dell'arte mettono qui a confronto le loro interpretazioni. Una disputa propedeutica all'Anno della Fede

di Sandro Magister

Argomento: Arte

Avvenire 28-4-2012

LA BAND DEI RECORD

Chieftains, ha 50 anni la «voce» dell’Irlanda

Paddy Moloney avrà avuto si e no sei anni quando la madre gli comprò «per una sterlina e nove pence» il suo primo pennywhistle. Ma su quel flau­to a fischietto il "folker" dagli occhi di ra­gazzo avrebbe costruito una delle più lon­geve avventure artistiche della musica ir­landese; quella dei Chieftains, che festeg­giano proprio quest’anno mezzo secolo di vita dando alle stampe Voices of ages , la­voro decisamente ambizioso che prova a far dialogare passato e futuro aprendo il patrimonio della canzone tradizionale ir­landese al top della nuova scena country­folk anglo-americana. Di gran nome gli o­spiti – Paolo Nutini, Bon Iver, Imelda May, Punch Brothers, Decemberists ed altri va­lenti alfieri del nuovo che avanza – sele­zionati con cura dal produttore T-Bone Burnett, eccezionalmente relegato al sem­plice ruolo di "assistente" per non intral­ciare il lavoro in cabina di regia di Molo­ney, che a 73 anni sprizza energia come un ragazzo. Risultato come sempre pieno, pur senza la voglia di stupire né il coté intel­lettuale del sorprendente San Patricio da­to alle stampe dai Chieftains due anni fa con Ry Cooder.

 

Argomento: Arte

14-1-2012 CulturaCattolica.it

Posso scegliere. E allora scelgo

di Luisella Saro

Posso scegliere. E allora scelgo.
Scelgo di non andare a Milano. Di non pagare il biglietto d’ingresso al Teatro Parenti.
Scelgo di non vedere la messa in scena delle feci di Castellucci (che meraviglia la polisemicità, le sfumature della lingua italiana!). Di non sentirne il fetore.

Argomento: Arte

Musica nuova e antica, dalla selva del Paraguay

Il meglio del barocco europeo sposato alle tradizioni popolari dei guaranì sudamericani. Un capolavoro di "inculturazione" del Vangelo, ideato dai gesuiti del Seicento e riproposto oggi da musicisti del luogo. Una lezione per le Chiese della vecchia Europa

di Sandro Magister

Argomento: Arte

Avvenire 28-12-2011

Andrej Tarkovskij: «Il mio stalker è Don Chisciotte»
 

Faceva molto caldo, quel giorno del luglio 1984, a Milano. Ancor più nel salone del Circolo della Stampa, stipato di giornalisti, fotogra­fi, cameramen, intellettuali disorgani­ci. L’afa era insopportabile, ma un bri­vido corse nella schiena di tutti quan­do apparve quell’omino nervoso, dal­la fisionomia vagamente tartara; occhi vivacissimi, baffi ispidi, una foresta di rughe sul volto. Andrej Tarkovskij quel giorno era teso come una corda di vio­lino. Pensavo al suo primo cortome­traggio, noto solo ai cinefili più acca­niti: Il rullo compressore e il violino . Se ora il violino era lui, il rullo compres­sore era il regime sovietico che voleva spezzarne le sue corde, impedirgli di suonare. Tanto che quel giorno di lu­glio il geniale regista di Andrej Rubliov e di Solaris, de Lo specchio e di Nostal­ghia, aveva deciso di annunciare che avrebbe tagliato il cordone ombelica­le con l’adorata Madre Russia, avreb­be scelto l’Occidente. «Ragioni ve ne sono tante», spiegò alla stampa di tut­to il mondo che gli chiedeva le ragioni del suo 'basta' urlato in faccia al Crem­lino. «Ma me ne vado soprattutto per­ché le autorità del mio paese ormai mi considerano una non-persona: per il Cremlino non esisto». E a chi insiste­va per sapere a quale paese avrebbe chiesto asilo politico, ribatteva con sar­casmo: «Domanda strana: è come se vedendomi distrutto per la morte di u­na persona cara mi chiedessero dove voglio seppellirla. Che importanza ha?» Il dolore dell’esilio era davvero troppo. Chissà se fu quello a fare ammalare Tarkovskij: due anni dopo, il regista si spegneva a Parigi, a soli 54 anni. Era il 29 dicembre 1986, esattamente 25 an­ni fa. In Svezia, aveva ancora fatto in tempo a girare il profetico Il sacrificio .
Un film che, quel caldo giorno di lu­glio, era già ben chiaro nella sua testa. Come ci aveva spiegato, appena poche ore dopo la storica conferenza stampa, in un lungo colloquio a metà fra la con­fessione e il testamento. Parole, le sue, che un quarto di secolo dopo stupi­scono per la loro attualità. Le propo­niamo qui per la prima volta al lettore italiano. R.Cop.

Argomento: Arte

Si avvicina il Natale, regalare della buona musica è una scelta del cuore che fa bene all'anima di chi la riceve ed al portafoglio di chi la dona.

Safety in God alone – Amazing Blondel

di Enrico Leonardi

Nel 1971 venne pubblicato uno strano LP: raffigurava tre personaggi dalle fluenti chiome e dalle imponenti barbe, in severi abiti elisabettiani, con un gigantesco alano accucciato ai loro piedi.
Non erano molti a quei tempi a riconoscerli a prima vista; infatti dopo un breve ed insoddisfacente esordio nel mondo del rock, i nostri erano passati a una più originale e fruttuosa riscoperta della musica inglese medievale e rinascimentale, creandosi un proprio stuolo – necessariamente più ristretto - di fedeli ascoltatori; alcuni li inquadravano nel cosiddetto “Progressive folk”, altri li sdegnavano come musica di élite.

Argomento: Arte

Cézanne evangelista. Scola parla del nuovo Evangeliario Ambrosiano. Un tesoro liturgico alla prova dell’arte moderna: l’iconologia contro l’idolatria. Gesù e la libertà

1 novembre 2011 - il Foglio

Il cardinale Angelo Scola sposa l’idea del suo predecessore, il cardinale Dionigi Tettamanzi, di dare forma a un nuovo Evangeliario Ambrosiano, “un’espressione significativa che parla simultaneamente ai fedeli della nostra realtà diocesana, ma anche a quanti sono diversamente credenti, a quanti si dicono agnostici e a quanti dicono di essere atei nella società plurale”.

Argomento: Arte
Avvenire 18 ottobre 2011
CINEMA
De Curtis: «Rivive la preghiera di mio padre, Totò»
 

​ Totò non fu soltanto il primo grande comico a muoversi sullo schermo di un cinema completamente a colori, grande novità per l’Italia del 1952. Soltanto un anno dopo il successo clamoroso di Totò a colori, ecco che mazzi di fiori, spruzzate d’acqua, graffiate di leoni e sghignazzi di un clown finiscono davanti al viso di incuriositi spettatori grazie al 3D con Il più comico spettacolo del mondo - Totò in 3D esplicita e divertente parodia del film che Cecil B. De Mille aveva dedicato alla vita di un grandioso circo, sceneggiata da un gruppo cui partecipò anche Mario Monicelli e diretta da Mario Mattoli.

 

Argomento: Arte

Avvenire 5 ottobre 2011

Un apologo a metà sulla carità


DI MARINA CORRADI

In una chiesa dismessa per mancanza di fedeli gli operai tirano giù il crocefisso. Il vec­chio parroco si tormenta. Ma quel­la notte un manipolo di clandesti­ni occupa la navata vuota, ci si ac­campa. Il vecchio prete li accoglie, e li difenderà da chi vuole denun­ciarli, e da minacciosi vigilantes in caccia, nella città buia e ostile.

Argomento: Arte

La Cantata di Bach che Ratzinger predilige

È quella dell'ultima domenica dell'anno liturgico luterano, con al centro la parabola delle vergini sagge e delle vergini stolte. Tutti i particolari di un ricordo personale di papa Benedetto, alla vigilia del suo prossimo viaggio in Germania

di Sandro Magister

Argomento: Arte

Avvenire 2 LUGLIO 2011
INTERVISTA
«I capolavori di Liszt? Sono merito della fede»

Difficile trovare un autore come Franz Liszt capace di dividere il pubblico e critica. Lisztomaniaci e Lisztofobiaci. Ieri come oggi, a 200 anni dalla nascita del pianista e compositore ungherese, avvenuta il 22 ottobre 1811. Funambolo della tastiera ma compositore confuso o geniale anticipatore del Novecento? «Ridotto in questi termini non capiremo mai davvero Liszt».

Argomento: Arte

Avvenire 17 giugno 2011

ARTE SACRA
Matisse e l’inno alla Vergine


Qualcuno l’ha definita la «Cappella Sistina del Nove­cento ». Certo non per le proporzioni, ma il parago­ne, almeno per la portata storica, regge. E pare segno del destino che tra pochi giorni la Chapelle du Ro­saire realizzata da Henri Matisse per le suore domenicane del San­tissimo Rosario a Vence, in Proven­za, stia per diventare 'vicina di ca­sa' del precedente michelangiole­sco. Mercoledì 22 giugno, nella «marescalcia», un vasto locale a­diacente alla Sistina, i Musei Vati­cani inaugureranno la Sala Matis­se, interamente dedicata ai bozzet­ti e ai cartoni realizzati dall’artista francese tra il 1948 e il 1952 per quello che può essere considerato il suo grande, estremo capolavoro, «il compimento – come egli stesso scrisse – di tutta una vita di lavoro e la fioritura di uno sforzo enorme, sincero e difficile».

Argomento: Arte
Nella giovinezza di Lolek i segni di una passione inesausta per la poesia

DEVOZIONE ALLA PAROLA NEL TEATRO DI WOJTYLA

“Credo nel Tuo Teatro e vorrei assolutamente crearlo con Te, esso potrebbe essere diverso da tutti i teatri ‘polacchi’, esso non piegherebbe l’uomo ma lo innalzerebbe e lo infiammerebbe, non lo distruggerebbe ma lo renderebbe angelico”.
Argomento: Arte
BASILICA E CERCHIO. LA TRADIZIONE DELLE GRANDI CHIESE DI ROMA

di Timothy Verdon



Tra le caratteristiche distintive del cristianesimo occidentale vi è la volontà di costruire grandi chiese: ancor oggi, in un’Europa che non vuole riconoscere ufficialmente le sue radici cristiane, gli edifici storici più imponenti delle città sono cattedrali, chiese monastiche o santuari. Come nasce questa tradizione?
Argomento: Arte
Prima messa nella Sagrada Família: il papa beatifica Gaudí

Benedetto XVI si reca a Barcellona per consacrare la basilica capolavoro. E la propone a modello per i moderni costruttori di chiese. Una guida alla visita dello stupefacente edificio

di Sandro Magister
Argomento: Arte
Avvenire 24 ottobre 2010

Gaudí, Nella Sagrada Familia catechesi in pietra


Nel 1977 Etsuro Sotoo era un giovane insegnante d’arte a Kyoto che sentiva il richiamo dell’arte stessa più che della sua didattica. «Il richiamo della pietra», dice lui. Piantò tutto e venne in Europa a far lo scultore. A Barcellona, imbattersi nella Sagrada Familia e rimanerne calamitato fu un tutt’uno. «Voglio fare lo scultore qui». 
Argomento: Arte

Motore di ricerca

Chi è online

Il Tuo IP: 54.166.75.207



Verifica umana
Quanto fa sette più tre?
:

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder