Totus tuus network: Fede e ragione

Cerca in questo argomento:   
[ Vai in Home | Seleziona un nuovo argomento ]

CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELL’ENCICLICA DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI DAL TITOLO: "CARITAS IN VERITATE" , 07.07.2009

Intervento dell'Em.mo Card. Renato Raffaele Martino, Presidente del Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace
Argomento: Fede e ragione
Il Papa bacchetta i cattolici alla Prodi

Martedì 30 Giugno 2009 (Andrea Tornielli)

Il clamoroso annuncio dell’identificazione dei resti dell’Apostolo delle genti nel sarcofago sotto l’altare della basilica di San Paolo fuori le Mura ha fatto passare in secondo piano, domenica sera, un altro importante passaggio dell’omelia di Benedetto XVI.
Argomento: Fede e ragione

Nuova Enciclica per «approfondire» la «Populorum Progressio»

di Flavio Felice

Lunedì, 29 giugno 2009, festa solenne dei santi Pietro e Paolo, Benedetto XVI firma la sua terza enciclica, la prima del suo Magistero sociale.
Argomento: Fede e ragione
Avvenire 9 Giugno 2009
Intervista a John Haught
Scienza e fede, il flop dei «nuovi atei»
I «nuovi atei»? Sono l’alter ego «laico» dei creazionisti, i cristiani fondamentalisti convinti che il racconto della Genesi sia un dato scientifico assodato. Richard Dawkins, Sam Harris e Christopher Hitchens (i 'neo laici' di maggior successo) sono 'illogici e incoerenti' rispetto ai grandi pensatori atei del passato, ad esempio Nietzsche e Camus. Alterna il fioretto dell’argomentazione e la sciabola della polemica John Haught, teologo americano di vaglia, nel suo ultimo convincente lavoro, Dio e il nuovo ateismo (Queriniana, pp. 167, euro 13,80). Senior Fellow al Science & Religion Woodstock Theological Center della Georgetown University di Washington, nei giorni scorsi Haught ha ricevuto la laurea honoris causa dall’Università Cattolica di Lovanio, in Belgio, per la sua pluridecennale ricerca sul rapporto tra teologia e scienza.
Argomento: Fede e ragione
"Festival della teologia", Piacenza 22-24 maggio 2009

L'orizzonte della preghiera: in cammino verso Dio

di Camillo Ruini

Iniziamo da una classica definizione di San Tommaso d'Aquino: "Oratio est proprie religionis actus", la preghiera è propriamente l'atto della religione ("Summa Theologiae" II-II, q. 83, a. 3). Tale definizione viene comunemente riconosciuta anche oggi come universalmente valida nell'ambito della storia delle religioni, in termini paradossalmente più ampi dello stesso riconoscimento del rapporto della religione con un Dio personale [...].
Argomento: Fede e ragione

Un centinaio di domande

Arriva dal Movimento sociale, fa il presidente della Camera, sogna una destra che non si chiami “destra”, ma che sia comunque “nuova”. Chi è Gianfranco Fini? Cosa fa? Dove va? E soprattutto: dovunque vada, troverà posto?

di Emanuele Boffi
Argomento: Fede e ragione

Ha aperto una strada. I potenti la seguiranno?

Calcando le orme del Dio incarnato, “passo”, morto e risorto, il Pontefice ha confermato i “suoi” e abbracciato i fratelli ebrei e musulmani di quelle terre martoriate. Con l’energia caparbia di chi costruisce con mattoni nuovi

di S.Em. Card. Angelo Scola

Argomento: Fede e ragione
14-5-2009 AsiaNews

Il papa, l’islam arabo e l’occidente


di Samir Khalil Samir


Le critiche dei media islamici contro Benedetto XVI sono un nulla di fronte alla ricchezza della sua proposta. Nel mondo arabo è urgente il dialogo con la scienza, bloccato da secoli; nel mondo occidentale è urgente non rinchiudersi in ideologie relativiste e sprezzanti verso la fede.
Argomento: Fede e ragione

[..] qui di seguito la seconda parte della relazione alla plenaria della pontificia accademia delle scienze sociali, letta in Vaticano, in lingua francese, la mattina di venerdì 1 maggio 2009:

Obama e Blair. Il messianismo reinterpretato

di Michel Schooyans

Argomento: Fede e ragione
Avvenire 7 Maggio 2009
IL CASO
Perché la scienza nacque cristiana (e non nella Mezzaluna)
di Stanley L. Jaki
Argomento: Fede e ragione
LA GLENDON RIFIUTA IL PREMIO DELL’UNIVERSITA’ CATTOLICA DI NOTRE DAME. QUESTE LE RAGIONI.

Come avevamo già comunicato, l’Università cattolica di Notre Dame nello stato dell’Indiana (USA) ha deciso di invitare a tenere il discorso nella giornata delle lauree al Presidente Barak Obama. Date le posizioni abortiste del presidente, molti cattolici avevano criticato l’iniziativa e iniziato a raccogliere firme di protesta. Nella stessa giornata del prossimo 17 maggio, nella medesima occasione della festa per le lauree, sarebbe stata premiata con la prestigiosa Laetare Medal dell’Università di Notre Dame, l’insigne giurista Mary Ann Glendon, già capo delegazione della Santa Sede alla Conferenza Onu di Pechino sulla donna nel 1995, già Presidente della Pontificia Accademia per le Scienze Sociali, Membro di numerosi organismi della Santa Sede ed ambasciatrice degli Stati Uniti presso la Santa Sede nella precedente amministrazione americana. La dottoressa Glendon però ha deciso di rifiutare l’onorificienza e di non partecipare alla cerimonia. In questa lettera, da essa stessa consegnata alla stampa, emergono i motivi seri e profondi della decisione. Pur nella sua brevità, questa lettera tocca importanti temi della presenza pubblica dei cattolici.
Argomento: Fede e ragione

Riflessione sul tema:"L’Educazione al lavoro, sul lavoro, per il lavoro"
nell’ambito del XVI Congresso territoriale della CISL

Salone della CISL, 29 aprile 2009

di S. Em. card. .Caffarra

Argomento: Fede e ragione
Avvenire 16 Aprile 2009
Il personalismo? Non è individualismo

Da qualche tempo a questa parte è in atto un inquie­tante processo di trasfor­mazione (o, piuttosto, di deforma­zione) del concetto di persona. Nato nei primi decenni del Nove­cento per reagire all’individuali­smo borghese (e a un’etica, quella kantiana, incentrata esclusiva­mente sul soggetto) il personali­smo si è sempre connotato, al di là dell’estrema varietà dei suoi per­corsi interni, per l’accentuazione della dimensione relazionale del­l’io: non a caso, del resto, una del­le sue più importanti ed incisive espressioni storiche è stata quella del personalismo comunitario (di Emmanuel Mounier, e non solo).
Argomento: Fede e ragione
Avvenire 7 Aprile 2009
CULTURA
Marta Sordi, filo diretto con la classicità
Marta Sordi lascia un vuoto incolmabile nel campo degli studi di storia antica, che ha dominato per decenni, e fra gli amici – allievi e colleghi – che l’hanno conosciuta e stimata. Nata a Livorno nel 1925 e laureatasi in Lettere all’Università degli studi di Milano con Alfredo Passerini, Marta Sordi intraprese subito dopo la laurea la sua attività di ricerca. Presso l’Istituto italiano per la Storia antica, a Roma, per un quinquennio fu allieva di Silvio Accame, maestro e amico. Dal 1962 all’Università di Messina Marta Sordi formò una prima Scuola, attiva ancor oggi. Alcuni anni più tardi, nel 1967, passò a Bologna, dove ha lasciato una traccia incancellabile, e infine approdò due anni dopo all’Università Cattolica di Milano, dove insegnò Storia greca e Storia romana fino alla fine della sua lunga carriera accademica, nel 2001.
Argomento: Fede e ragione
Il Foglio 26 Febbraio 2009

Vito Mancuso chiede un Concilio per liberare l`uomo dalla natura

DOCTOR DIABOLICUS
Argomento: Fede e ragione
Una "good bank" per favorire lo sviluppo. La finanza può fare miracoli

di Ettore Gotti Tedeschi, 30 gennaio 2009 (L'Osservatore Romano)
Argomento: Fede e ragione

Avvenire 20-2-2009

Cattolici, laici e società civile

di Angelo Scola

"L'Occidente deve decidersi a capire quale peso ha la fede nella vita pubblica dei suoi cittadini, non può rimuovere il problema".

Argomento: Fede e ragione
Avvenire 19 Febbraio 2009

Intervento del cardinale Camillo Ruini

Laicità, punti fermi per l’etica pubblica
Con il Vaticano II si è aperta una nuova stagione di rapporti fra cattolici e mondo laico. Ma oggi viviamo una fase nuova, a volte fatta di contese.
Argomento: Fede e ragione
Avvenire 6 Gennaio 2009
NUMERI E FEDE/5
Matematica, il fascino della verità
Argomento: Fede e ragione
Avvenire 16 Dicembre 2008
NUMERI E FEDE/2
«Ma la geometria non è atea»
La matematica Lucia Alessandrini: «Spesso ai giovani studenti mancano gli strumenti per comprendere i nessi tra il divino e l’umano»
Argomento: Fede e ragione

Le religioni e il destino del mondo

di Khaled Fouad Allam

(Osservatore Romano 30-11-2008)

Argomento: Fede e ragione

INTERVISTA. Dalle scoperte archeologiche alle profezie bibliche, fino alla Sindone: un’indagine storica sul Nazareno.
Parla Antonio Socci

 Cristo alla prova dei fatti
Un eroe italiano  


 DI

Lo «strano cristiano» Antonio Socci – giornalista, saggista, apologeta – dopo una serie di indagini su alcuni grandi misteri della Chiesa del ’900, torna indietro di 2000 anni, con Indagine su Gesù  (Rizzoli, pp. 346, euro 18.50), che esce domani in libreria. 

Socci: dopo Medjugorie, i martiri del XX secolo, Padre Pio, come mai proprio ora un ritorno al «fondamento»?

«Negli anni ’80 mi occupai molto dei frammenti 7Q5 e 7Q4 di Qumran sulla scia degli studi di padre José O’Callaghan e Carsten Peter Thiede. Iniziai così una serie di inchieste sulle scoperte relative al Nuovo Testamento, che confluì nel volume Vangeli e storicità  (Rizzoli). Studio da venti anni l’epoca e la vita di Gesù. È la passione della mia vita».

ANDREA GALLI, per Avvenire del 25/11/2008 
Argomento: Fede e ragione

IL PRIMO ANNIVERSARIO DELLASPE SALVI 

Quella certezza di futuro che già cambia il presente 

 GIACOMO SAMEK LODOVICI

Argomento: Fede e ragione

Rino Cammilleri, per Il Timone 

    SANTI, RELIQUIE E PADRIPII
www.rinocammilleri.it

Nel commentare la riesumazione della salma di Padre Pio (notte tra il 2 e il 3 marzo 2008) e l’annuncio della sua esposizione dal 24 aprile p.v., Claudio Magris sul «Corriere della Sera» del 16 aprile u.s. non ha potuto frenare la sua indignazione. Prendendo punto dalla denuncia penale sporta dall’Associazione «Padre Pio-Uomo della Sofferenza» contro il vescovo di San Giovanni Rotondo per vilipendio di cadavere e profanazione di sepoltura (respinta dal magistrato con la motivazione che nessuno può far valere in giudizio in nome proprio un diritto altrui e che spetta alla Chiesa tutelare gli interessi dei suoi fedeli), Magris sposa senz’altro la posizione dei denuncianti, che invitavano a non esporre la salma del Santo «per vanità degli uomini». Anche perché pare che Padre Pio stesso (ma, secondo chi scrive, è tutto da verificare) abbia espresso, quand’era in questo mondo, il desiderio non essere né riesumato né traslato dalla cripta della vecchia chiesa di Santa Maria delle Grazie. Quest’ultima motivazione, fosse vera, dovrebbe da sola chiudere il discorso e dar ragione all’Associazione. Purtuttavia, anche in questo caso c’è un problema: i fedeli.
Sono già più di settecentomila quelli che si sono prenotati per visitare la salma quando verrà esposta.
Settecentomila. 
 

Argomento: Fede e ragione

Il dialogo tra le religioni non è possibile. La fede non si può mettere tra parentesi

Lettera d Papa Benedetto XVI al sen. Marcello Pera

Argomento: Fede e ragione

Rino Cammilleri, per Il Timone 

  Peccato originale
www.rinocammilleri.it

Confesso che, da quando faccio il kattolico, il Peccato Originale è stata ed è la mia ossessione. Che dico? Da prima, anzi da sempre, visto che a tenermi lontano dal kattolicesimo e dalla religione tout court era proprio questo dubbio. Sì, insomma: la tragedia umana mi era ben presente, né la mia personale storia mi portava a gioire granchè; per questo non riuscivo a credere a un Dio così buono da aver creato l’umanità per poi lasciarla marcire nel dolore senza rimedio. Pensavo alle guerre, alle catastrofi naturali e artificiali, alle malattie, alle pestilenze, alle ingiustizie, alle morti, alle efferatezze, alla schiavitù, ai martirii matrimoniali, alle sfortune, alle cattiverie, alle persecuzioni, alla fame… Beh, il resto delle disgrazie, individuali e collettive, mettecelo voi, perché l’elenco è lungo. Ed è lungo, anche, quanto l’intera storia umana, dal primo uomo fino all’ultimo, quello che che ancora deve venire. Bene, sommate il tutto, aggiungete le vostre personali difficoltà passate, presenti e future, e poi ditemi: questa somma enorme, gigantesca, immane, cosmica di sofferenza, perché? 

Argomento: Fede e ragione
"PERCHE' CREDO"
LE RAGIONI DELLA FEDE

Presentazione del libro:

PERCHE' CREDO

Intervengono gli autori

Vittorio Messori
Andrea Tornielli

Introduce
Gianpaolo Barra

SABATO 22 NOVEMBRE 2008
ore 15.30
salone parrocchia S. Giovanni Evangelista
Via Pavoni, 10 - Milano
MM3 - Maciachini
"CREDO": INVITO A UN INCONTRO
     
Argomento: Fede e ragione

DOPO IL VOTO i primi passi
Pronta una serie di ordini esecutivi che il futuro inquilino della Casa Bianca potrà firmare il 20 gennaio, giorno del suo insediamento: cancellerà anche gli interventi del suo predecessore contro i test sulle staminali embrionali e sulla limitazione delle norme abortive

I vescovi a Obama: «Sfide straordinarie»
Monito sull’aborto, il presidente eletto vuole cambiare 200 leggi di Bush

Il cardinale George ha aperto l’assemblea plenaria: «Dovrà tener conto del bene comune, che non può incarnarsi in una società in cui coloro che attendono di nascere possono essere uccisi legalmente»
DA NEW YORK ELENA MOLINARI

Argomento: Fede e ragione

Una legge bandisce dalle scuole l’insegnamento confessionale e impone corsi di etica di Stato

QUÉBEC - LAICISMO E FEDE/1
Viaggio in una terra che fino a 50 anni fa era considerata la più cattolica del Nord America

Una società malata di relativismo

Il nunzio Ventura: si va a costruire una religione laica, il cui dogma è che nessuno ha il monopolio della verità. Un parroco: si ricomincia da una testimonianza

DAL NOSTRO INVIATO A MONTREAL MARINA CORRADI

Chi passi distrattamente per rue Saint Laurent, a Petite I­talie, nel quartiere italiano, nota un condominio di lusso dalla struttura imponente. Solo alzando gli occhi riconosce, dalle due torri geometriche accanto alla facciata anteriore, che cos’era originaria­mente quel palazzo. Saint Jean de la Croix, vecchia grande chiesa inuti­lizzata in una città dove la frequen­za domenicale alla Messa è del 5%, è stata venduta: rimosse le campa­ne, le navate trasformate in bilocali a migliaia di dollari il metro quadro. Non è la sola, Saint Jean, ad avere su­bito questa sorte, in una città che vantava 300 fra chiese e monasteri, in un Québec considerato fino a cin­quant’anni fa il più cattolico paese del Nord America. Ora le chiese so­no vuote, i giovani convivono senza sposarsi, e raramente battezzano i pochi figli che nascono (la natalità è sotto gli 1,6 figli per donna, meno che in Italia). Nemmeno per il fune­rale si torna in parrocchia : molti or­mai, spiega don Pierangelo Pater­nieri, parroco di Notre Dame de Pompei, preferiscono le «Funeral house». E ci conduce a visitarne u­na. Da fuori, sembra un Mc Donald’s, o un supermercato. Dentro, un im­piegato sorveglia sei camere mor­tuarie in velluto e moquette, com­plete di sala per banchetti e stanza giochi per i bambini. E’ tutto molto bene organizzato, per una tariffa da 20 mila dollari a defunto ('facciamo 50 decessi al mese', spiega con piglio manageriale l’addetto). Però, qui al massimo il morto può avere una ve­loce benedizione, ammesso che sia cristiano. Non un funerale con la messa - si usa sempre meno.

Argomento: Fede e ragione

Rino Cammilleri, per Il Timone 

  KENYA
www.rinocammilleri.it

Il 30 dicembre 2007 la riconferma di Emilio Mwai Kibaki alla presidenza del Kenya è stata contestata dal capo dell’opposizione, Raila Amolo Odinga, che ha accusato il vincitore di brogli.
Subito si sono avuti scontri nel Paese, con un migliaio di morti e duecentocinquantamila sfollati.
L’economia ha avuto un blocco e il turismo, una delle voci principali, è crollato. La perdita è stata valutata in un miliardo di euro al giorno.
Naturalmente la vicenda ha immediatamente assunto contorni tribali e tra le etnie kikuyu e loa è finita, al solito, a colpi di machete, stupri di massa (anche di bambini), esodi.
E’ il solito refrain dell’Africa, dove la democrazia funziona (si fa per dire) così. Ogni etnia crea il suo partito e il risultato è una democrazia tribale.

Argomento: Fede e ragione

Motore di ricerca

Chi è online

Il Tuo IP: 54.204.139.136



Verifica umana
Quanto fa tre meno uno?
:

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder