Totus tuus - Martirologio romano

Martirologio romano

20 Settembre

A Roma la passione dei santi Martiri Eustachio e Teopista sua moglie, coi due figli Agapito e Teopisto, i quali, sotto l'Imperatore Adriano, condannati alle fiere, ma per divino aiuto rimasti illesi, da ultimo, chiusi in un bue di bronzo infuocato, compirono il martirio.

A Cizico, nella Propontide, il natale dei santi Martiri Fausta Vergine ed Evilasio, sotto l'Imperatore Massimiano; dei quali Fausta, dallo stesso Evilasio, sacerdote degli idoli, spogliata dei capelli e rasa per ischerno, fu appesa e tormentata. Quindi, volendola segare per mezzo, né potendo i carnefici offenderla, Evilasio, di ciò meravigliato, si convertì a Cristo; e mentre anche lui, per ordine dell'Imperatore, era acerbamente tormentato, Fausta, trivellata nella testa, trafitta con chiodi per tutto il corpo e posta in una padella infuocata, finalmente, insieme col medesimo Evilasio chiamata da una voce celeste, passò al Signore.

Nella Frigia i santi Martiri Dionigi e Privato.

Così pure san Prisco Martire, il quale, dopo essere stato trafitto con pugnalate, fu decapitato.

A Perge, nella Panfilia, i santi Teodoro, Filippa sua madre, e Compagni Martiri, sotto l'Imperatore Antonino.

A Cartagine santa Candida, Vergine e Martire, la quale, sotto l'Imperatore Massimiano, lacerata con piaghe per tutto il corpo, fu coronata col martirio.

A Milano san Glicerio, Vescovo e Confessore.

A Roma la Traslazione del corpo di sant'Agapito primo, Papa e Confessore, dalla città di Costantinopoli, nella quale il detto Pontefice si era addormentato nel Signore il ventidue di Aprile.


Motore di ricerca

Chi è online

Il Tuo IP: 54.161.236.229



Verifica umana
Quanto fa cinque più sei?
:

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder