(il Timone) Al suo ritorno il Figlio troverà ancora la fede?

Chiesa

I CRISTIANI SI VERGOGNANO DI GESU’. PAROLA DEL CARDINALE BIFFI
     

Dall’infanzia all’ultimo conclave, dalla diocesi di Ambrogio a San Petronio, le questioni teologiche e i silenzi del Concilio sul comunismo. La Chiesa e la società italiana del ‘900 sono descritte in modo impareggiabile – come al solito – nell’autobiografia del cardinale Giacomo Biffi, arcivescovo emerito di Bologna, nonché apprezzatissimo collaboratore e amico de “Il Timone”. “Memorie e digressioni di un italiano cardinale” (Cantagalli, pp. 640, euro 23,90) – questo il titolo del volume – sarà in libreria da martedì 30 ottobre, vigilia del suo 80esimo compleanno. E’ un’opera che, per la sua semplicità e profondità di giudizio, raccomandiamo a tutti  Di seguito offriamo una breve anticipazione che dà subito l’idea della ricchezza che potremo trovare in questo volume.
Peraltro in questi giorni, a 50 anni dalla discussione, è stata ristampata pure la tesi di Biffi “Colpa e libertà nell’odierna condizione umana” (Edizioni Studio Domenicano, pp. 317, euro 20) che rappresenta il primo banco di prova del giovane teologo ambrosiano e che, secondo il curatore Inos Biffi, incarna l’incipit della maturità teologica e letteraria del futuro cardinale. 

Ecco l’anticipazione dall’autobiografia del cardinale Biffi:

"Prima del conclave. I giorni più faticosi per i cardinali sono quelli che precedono immediatamente il conclave. Il Sacro Collegio si raduna quotidianamente dalle ore 9,30 alle ore 13, in un’assemblea dove ciascuno dei presenti è libero di dire tutto ciò che crede. S’intuisce però che non si possa trattare pubblica mente l’argomento che più sta a cuore agli elettori del futuro vescovo di Roma: chi dobbiamo scegliere? E così va a finire che ogni cardinale è tentato di citare più che altro i suoi problemi e i suoi guai: o meglio, i problemi e i guai della sua cristianità, della sua nazione, del suo continente, del mondo intero. È senza dubbio molto utile questa generale, spontanea, incondizionata rassegna delle informazioni e dei giudizi. Ma senza dubbio il quadro che ne risulta non è fatto per incoraggiare.
 Il mio intervento. Quale fosse nell’occasione il mio stato d’animo e quale la mia riflessione prevalente emerge dal l’intervento che dopo molte perplessità mi sono deciso a pronunciare il venerdì 15 aprile. Eccone il testo: 1. «Dopo aver ascoltato tutti gli interventi – giusti, opportuni, appassionati – che qui sono risonati, vorrei esprimere al futuro Papa (che mi sta ascoltando) tutta la mia solidarietà, la mia simpatia, la mia comprensione, e anche un po’ della mia fraterna compassione. Ma vorrei suggerirgli anche che non si preoccupi troppo di tutto quello che qui ha sentito e non si spaventi troppo. Il Signore Gesù non gli chiederà di risolvere tutti i problemi del mondo. Gli chiederà di voler gli bene con un amore straordinario: «Mi ami tu più di costoro?» (cfr. Gv 21,15).
  In una ‘striscia’ e ‘fumetto’ che ci veniva dall’Argentina, quella di Mafalda, ho trovato diversi anni fa una frase che in questi giorni mi è venuta spesso alla mente: ‘Ho capito – diceva quella terribile e acuta ragazzina –; il mondo è pieno di problemologi, ma scarseggiano i soluzionologi’».
  2. «Vorrei dire al futuro Papa che faccia attenzione a tutti i problemi. Ma prima e più ancora si renda conto dello stato di confusione, di disorientamento, di smarrimento che affligge in questi anni il popolo di Dio, e soprattutto affligge i ‘piccoli’».
  3. «Qualche giorno fa ho ascoltato alla televisione una suora anziana e devota che così rispondeva all’intervistatore: ‘Questo Papa, che è morto, è stato grande soprattutto perché ci ha insegnato che tutte le religioni sono uguali’. Non so se Giovanni Paolo II avrebbe molto gradito un elogio come questo».
  4. «Infine vorrei segnalare al nuovo Papa la vicenda incredibile della Dominus Iesus:  un documento esplicitamente condiviso e pubblicamente approvato da Giovanni Paolo II; un documento per il quale mi piace esprimere al cardinal Ratzinger la mia vibrante gratitudine. Che Gesù sia l’unico necessario Salvatore di tutti è una verità che in venti secoli – a partire dal discorso di Pietro dopo Pentecoste – non si era mai sentito la necessità di richiamare. Questa verità è, per così dire, il grado minimo della fede; è la certezza primordiale, è tra i credenti il dato semplice e più essenziale. In duemila anni non è stata mai posta in dubbio, neppure durante la crisi ariana e neppure in occasione del deragliamento della Riforma.
  L’averla dovuta ricordare ai nostri giorni ci dà la misura della gravità della situazione odierna. Eppure questo documento, che richiama la certezza primordiale, più semplice, più essenziale, è stato contestato. È stato contestato a tutti i livelli: a tutti i livelli dell’azione pastorale, dell’insegnamento teologico, della gerarchia».
  5. «Mi è stato raccontato di un buon cattolico che ha proposto al suo parroco di fare una presentazione della Dominus Iesus alla comunità parrocchiale. Il parroco (un sacerdote peraltro eccellente e benintenzionato) gli ha risposto: ‘Lascia perdere. Quello è un documento che divide’. ‘Un documento che divide’. Bella scoperta! Gesù stesso ha detto: ‘Io sono venuto a portare la divisione’ (Lc 12,51: diamerismòn). Ma troppe parole di Gesù oggi risultano censurate dalla cristianità; almeno dalla cristianità nella sua pars loquacior».