Cina-Vaticano: il socialismo non è morto, torna la persecuzione.

Persecuzione dei cristiani

Dopo l’accordo sino-vaticano, distrutti due santuari dedicati alla Madonna nello Shanxi e nel Guizhou
http://www.asianews.it/notizie-it/Dopo-laccordo-sino-vaticano,-distrutti-due-santuari-dedicati-alla-Madonna-nello-Shanxi-e-nel-Guizhou-(Video)-45306.html

Il caso di P. Liu Jiangdong di Zhengzhou: un ‘martire’ del Sinodo dei giovani

di Bernardo Cervellera

P. Liu, ordinato 13 anni fa, è stato arrestato e sospeso nel suo sacerdozio. Le autorità lo accusano di “aver violato la politica religiosa e i regolamenti”. Era “troppo attivo”: organizzava – proprio come vuole il Sinodo – incontri per i giovani, anche minori di 18 anni su catechesi, evangelizzazione, carità, discernimento vocazionale. L’Ufficio affari religiosi ha anche strappato la croce dal campanile della chiesa del Sacro Cuore, la parrocchia di p. Liu.

Roma (AsiaNews) – Il Sinodo dei giovani che sta per concludersi in Vaticano, ha forse trovato il suo martire. Si tratta di p. Liu Jiangdong, sacerdote della diocesi di Zhengzhou (Henan), imprigionato per una settimana, a cui l’Associazione patriottica e l’Ufficio affari religiosi ha proibito di esercitare il suo ministero. Il motivo: era “troppo attivo” coi giovani, organizzava incontri di preghiera, catechismo, cultura anche coi minori di 18 anni, per i quali i nuovi regolamenti religiosi proibiscono l’entrata in chiesa ed avere un’educazione religiosa. La provincia dell’Henan ha diramato dallo scorso aprile una direttiva per attuare questi divieti.

P. Liu è sacerdote della comunità ufficiale, trentenne, ordinato nel 2005 ed è parroco della chiesa del sacro Cuore a Zhengzhou. Agli inizi di settembre l’Ufficio affari religiosi e l’Associazione patriottica lo hanno arrestato e tenuto in isolamento per una settimana con l’accusa di avere “i conti finanziari non ordinati” e di aver “usato soldi pubblici per scopi privati”. Più in generale, lo hanno accusato di “aver violato la politica religiosa e i regolamenti sulle attività religiose”.

Un sacerdote dell’Henan ha confermato ad AsiaNews che in realtà il motivo dell’arresto di p. Liu e della sua sospensione dal sacerdozio sta nel fatto che lui “ha fatto troppo: ha costituito tante comunità di giovani e di anziani. E siccome non segue i regolamenti, il governo si è arrabbiato”.

Per questo, l’ultima domenica di settembre, i rappresentanti del governo hanno annunciato in chiesa che egli sarebbe stato sospeso dal sacerdozio.

Per esprimere ancora di più il disprezzo verso p. Liu e affermare il controllo sulla comunità, le autorità hanno anche strappato la croce dalla torre centrale dell’edificio sacro.

La parrocchia del Sacro Cuore è nota per le sue vivaci attività (v. foto). Vi sono iniziative per aiutare i giovani al discernimento della loro vocazione, momenti di catechesi e di evangelizzazione. I giovani sono anche spinti a svolgere caritative per i poveri, gli anziani e i malati: proprio tutte quelle cose che il Sinodo sui giovani sta sperando che ogni prete faccia per i giovani delle loro parrocchie. Per questo, p. Liu è davvero l’icona del martire di questo Sinodo.

fonte: http://www.asianews.it/notizie-it/P.-Liu-Jiangdong-di-Zhengzhou:-un-%E2%80%98martire%E2%80%99-del-Sinodo-dei-giovani-45315.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *