Mons. Crepaldi: rallentare l’Unione europea

Lascia un commentoChiesa,Fede e ragione

“Rallentare il processo di unificazione europea per avere tempo e spazio per ricostruire la vera Europa”

Sono molto contento di essere presente anche quest’anno alla Giornata della Dottrina sociale della Chiesa, per due motivi. Prima di tutto perché, come sapete, gran parte della mia attività a servizio della Chiesa, anche come vescovo, si è svolta su questo fronte. Secondariamente perché il nostro Osservatorio, dedicato alla memoria del Cardinale Van Thuân, considera estremamente urgente che la Chiesa si riappropri di questo suo patrimonio e lo faccia valere in pubblico. Su questo il nostro Osservatorio e La Nuova Bussola Quotidiana concordano … da qui questa Giornata, giunta alla sua seconda edizione.

L’Osservatorio ha dedicato al tema di questa giornata – l’Europa – uno dei suoi ultimi Rapporti annuali sulla Dottrina sociale della Chiesa nel mondo che portava questo titolo: “Europa: la fine delle illusioni”. Quando però si dice “Europa” cosa si intende? Su questo punto essenziale il discorso potrebbe essere molto lungo, io mi limito a distinguere l’Europa, come modello storico di convivenza tra i popoli, e l’Unione Europea, come una modalità di unificazione sovrastatale avente le caratteristiche che sono sotto gli occhi di tutti. Attenzione, però: può risultare molto facile – e quindi semplicistico – criticare l’Unione Europea considerandola come un guaio – o Il Guaio – per l’Europa. Il titolo del nostro Rapporto richiamava la “fine delle illusioni”: ma per l’Unione Europea o per l’Europa?

Per rispondere può essere utile fare ciò che mi accingo a fare ora: vorrei considerare i due concetti appena visti di Europa e di Unione Europea alla luce della Dottrina sociale della Chiesa. Compito molto vasto, ma ci accontenteremo di qualche breve cenno.

(altro…)

Cammilleri: LA FICTION ANTICATTOLICA il nome della rosa

2 CommentiFede e ragione,Storia

Ci risiamo con la leggenda nera…

Già dalla prima scena si è capito che la nuova versione-kolossal de Il nome della rosa, finanziata da RaiCinema, cioè dal contribuente, era anche peggio della precedente, il film di Jean-Jacques Annaud del 1986, tratto dal «palinsesto» di Umberto Eco. La storia della lotta per le investiture ci dice l’esatto opposto della nuova fiction. 

Già, Umberto Eco. Il quale, pretendendo questa aggiunta nei titoli, chiarì che il film non poteva rappresentare tutta la complessità del romanzo bestseller omonimo. La prima scena di cui dicevamo è una scritta che avverte lo spettatore che nel 1327, anno in cui si svolge la vicenda, l’imperatore Ludovico stava cercando di «separare la politica dalla religione». Messa così, è chiaro che la simpatia dello spettatore si orienterà verso l’imperatore, che la Chiesa vorrebbe sottomettere imponendo ai posteri uno stato teocratico di tipo, per intenderci, khomeinista.

La storia, vera, dice però il contrario: tutta la lunga Lotta per le Investiture, dal secolo XI al Concordato di Worms del 1122, fu combattuta perché era l’imperatore a voler mettere il cappello sulla Chiesa decidendo lui la nomina dei vescovi. L’imperatore che regnava nel 1327, Ludovico IV il Bavaro, aveva deciso allora di tagliare del tutto i legami con la Chiesa.
Infatti, fu il primo imperatore a farsi incoronare non dal papa, ma da un laico, quello Sciarra Colonna che aveva preso a schiaffi il papa Bonifacio VIII ad Anagni. Gesto che simbolicamente chiuse il Medioevo cristianissimo.
Gesto la cui portata Bonifacio VIII comprese benissimo, tant’è che ne morì di crepacuore.

La Chiesa, come previsto, finì alla mercé del potere politico: nel 1327 il pontificato non era più a Roma ma ad Avignone, deportato in Francia da Filippo il Bello, il distruttore dei templari.
Il potere politico, privo della guida, e del freno, di un’autorità morale, da allora divenne sempre più assoluto, culminando nei totalitarismi del secolo XX.

(altro…)

Rino Cammilleri: Suicidi, il male oscuro dell’epoca post cristiana

1 CommentoFede e ragione

SENZA CRISTIANESIMO AUMENTANO I SUICIDI

Nel Medioevo cristiano, quando la vita era infinitamente più dura, il fenomeno era pressoché sconosciuto

Tra le meraviglie apportateci dalla modernità c’è anche questa: uno spaventoso tasso di suicidi.
Nel Medioevo, quando la vita era infinitamente più dura, il fenomeno era pressoché sconosciuto. Ma erano i secoli cristianissimi e la Chiesa faceva buona guardia.
Solo in Giappone la pratica del suicidio era stimata e considerata onorevole. Nella Cristianità, al contrario, era il peccato più riprovato, tanto da non meritare né funerali né sepoltura in terra consacrata.

E’ cambiato tutto, anche se il cambiamento più significante e vistoso non viene nemmeno preso in considerazione dalle statistiche, neppure dalla sociologia.
Scrivo mentre un giovane che conoscevo, fresco di diploma, giace morto dall’obitorio di Milano. Si è buttato dalla finestra, aggiungendosi ai quattromila suicidi annui che si contano nel nostro Paese. E ingrossando l’altra statistica, quella che vede il suicidio come seconda causa di morte tra i giovani dai quindici ai ventinove anni. La prima sono gli incidenti stradali, visto che la giovinezza è il tempo della pienezza delle forze e, dunque, il tempo in cui difficilmente si muore di morte naturale.

E in Italia, si fa per dire, va ancora bene. Tra le nazioni industrializzate ha uno dei tassi suicidari più bassi: «solo» 4mila suicidi l’anno.
In Europa uno dei peggio messi è il Belgio che, tra suicidi, aborti e eutanasie, gareggia per svuotarsi di belgi e riempirsi di musulmani.
In Inghilterra il governo ha dovuto dotarsi di un quasi-ministero ad hoc, con un sottosegretario alla Salute distaccato alla prevenzione del suicidio britannico, che dal 2010 è cresciuto del 67%: una galoppata mostruosa che colpisce gli uomini al di sotto dei quarantacinque anni. Per questa fascia d’età, nel Regno Unito il suicidio è la prima causa di morte. Addirittura. Quasi che gli inglesi, dopo il calcio e le freccette, abbiano inventato quest’altro hobby.

(altro…)

Non scuola, ma scuole

1 CommentoFede e ragione

Stato educatore e pluralismo

dagli USA spunti e riflessioni per una scuola davvero efficiente e rispettosa dei diritti della famiglia

Anche in Italia il sistema si basa su tre presupposti che si sono rivelati sbagliati:
– il primo è quello di ritenere che solo le scuole statali possano formare buoni cittadini;
– il secondo è che solo le scuole statali possano offrire pari opportunità per tutti i bambini;
– il terzo è che ogni altro assetto ordinamentale sia di per sé da guardare con sospetto.

—–

Dall’introduzione del volume. Gli esperti dei sistemi educativi concordano sul fatto che il sistema d’istruzione americano non sia in grado di stimolare a sufficienza gli studenti, dal punto di vista intellettuale, civico e morale, ma sono in disaccordo sul perché questo accada.

La tesi di questo libro è che gran parte di questo fallimento è da attribuire a due scelte sbagliate, compiute in passato e che ora meritano un ripensamento:
– in primo luogo, la decisione politica del XIX secolo di favorire una struttura del sistema educativo uniforme rispetto ad una pluralistica;
– in secondo luogo, l’abbandono del tradizionale curriculum scolastico avvenuto all’inizio del XX secolo.

(altro…)

Dreher: l’Europa sta morendo perché rinnega la sua storia

1 CommentoFede e ragione,Matrimonio e Famiglia

L’Europa sta morendo, a livello demografico e prima ancora culturale, perché rinnega la sua storia cristiana ed è incapace di trasmettere un senso ai suoi abitanti, immersi in una società sempre più invasa dalla cultura del nulla.
Davanti a questo quadro disperante solo la proposta di un cristianesimo autentico, che non si metta a inseguire il mondo ma cerchi Dio, può ricostruire pian piano una cultura e fornire la via d’uscita.

È questa in sintesi l’analisi che lo scrittore statunitense Rod Dreher fa sul Vecchio Continente, prendendo spunto dalla lettura di un libro del giornalista britannico Douglas Murray, The strange death of Europe. Immigration, identity, islam, e di un articolo di Sandro Magister sulla crisi demografica in Italia ribadita dagli ultimi dati dell’Istat.

(altro…)

Catturati dalla connessione?

1 CommentoFede e ragione
Nulla da demonizzare. Anzi. Trovare il modo per utilizzare il digitale a favore della fede cattolica, ma senza commettere gli evidenti errori commessi dagli uomini di Chiesa rispetto alle precedenti tecnologie. E con un antidoto che è imperativo: tornare a dedicare tempo al buon libro, all’orazione mentale nel silenzio.

Bisogna stare aggrappati al REALE

Stiamo vivendo un passaggio epocale. Una sfida da affrontare con lo sguardo rivolto al Creatore

di Vincent Nagle

 

Oggi ci mettiamo davanti a una grande domanda: che effetto, alla fine ha e avrà sulla mentalità e società umana la nuova tecnologia elettronica? Per solo intuizione vediamo già come questo effetto sarà grande e profondo. Ma la verità è, come tanti dicono, che siamo solo agli inizi di questo cambiamento umano e sociale. Che cosa, perciò, potremo capire di questo fenomeno?

Il rapporto con il creato

Già dalla metà del ventesimo secolo il canadese Marshall McLuhan ha parlato delle conseguenze di un impatto di una comunicazione elettronica costante e invasiva. Intuì, infatti, prima dell’avvento di internet, che i nuovi mezzi portano una totale revisione del rapporto fra gli uomini. e del rapporto fra l’umano e il creato. Non solo fanno mediazione fra noi e la realtà, ma anche, in qualche modo, pretendono di essere la realtà stessa. Oltre alla sua frase più famosa, «il mezzo è il messaggio», di cui abbiamo già parlato in questo dossier, McLuhan in una lettera scritta ad un altro pensatore cattolico come lui, Jacques Maritain, disse che «gli ambienti dell’informazione elettronica, che sono completamente eterei, nutrono l’illusione del mondo come sostanza spirituale. Questo è un ragionevole facsimile del Corpo Mistico, un’assordante manifestazione dell’anticristo».

(altro…)

Sale cinema cattolici: senza giudizio né… cervello!

Lascia un commentoFede e ragione

Tutto origina dall’ACEC (vedere http://www.saledellacomunita.it/) , un ente ecclesiale (al solito: non-si-sa-chi-lo-guida / non-si-sa-chi-lo-ha-voluto)  al quale alcuni sacerdoti affidano il giudizio sui film e anche il loro… cervello.
Non c’è solo il caso dei salesiani di Rivoli. A proiettare l’inno alla pederastia Chiamami col tuo nome anche cinema cattolici sparsi per tutt’Italia e riviste di movimenti: dai Focolarini agli orionini fino all’Antoniano.
E a Imola il pluripremiato film LGBT “Zen sul ghiaccio sottile” entra nel cinema dei frati cappuccini: “perchè può servire al dialogo… il confronto è importante… la regista è di Imola…“.

Al sentire queste ragioni demenziali torna in mente il card. Biffi, che nel suo “V Evangelo” (cioè il vangelo che il mondo moderno vorrebbe), parafrasa Mt 28,19: “discutete: dal libero confronto dei pareri germoglierà la verità“.
La parola allo studioso Fumagalli: “Colpa di una mancanza di giudizio sul bene e il male in cui sono immersi certi ambienti cattolici. Il più delle volte per sudditanza culturale e senso di inadeguatezza di fronte al mondo“.

I cattocinema senza giudizio,
sedotti persino da un film pederasta

Cattolici pecoroni di fronte a quello che passa il culturame cinematografico. E’ la triste fotografia di come il mondo cattolico sia supino di fronte alla pervasività subdola di molte proposte culturali che non solo non hanno nulla di cattolico, ma che sono completamente prive di uno sguardo vero e profondo sulla realtà. Lo dimostra la vicenda raccontata nei giorni scorsi dalla Nuova BQ.

(altro…)

Card. Sarah: siam vittime di un nichilismo disperato

Lascia un commentoFede e ragione

Pubblichiamo uno stralcio dell’omelia del cardinale Robert Sarah pronunciata durante la messa di chiusura del 36 ° pellegrinaggio di Pentecoste a Chartres, in Francia, il 21 maggio 2018 (nostra traduzione dall’originale francese)

« (…) Voi avete realmente rinunciato alle tenebre, avete scelto di proseguire la strada seguendo Gesù che è la Luce del mondo?
Cari amici permettetemi di porvi questa domanda radicale perché se Dio non è la nostra luce, tutto il resto diventa inutile. Senza Dio tutto è tenebre. Dio è sceso fino a noi, si è fatto uomo, ci ha rivelato l’unica verità che salva, è morto per riscattarci dal peccato. E a Pentecoste ci ha donato lo Spirito santo, ci ha offerto la luce della fede, ma noi preferiamo le tenebre.

Guardiamoci intorno, la società occidentale ha scelto di organizzarsi senza Dio ed eccola consegnata alle luci sfavillanti e ingannevoli della società dei consumi, del profitto a tutti i costi e dell’idealismo forsennato. Un mondo senza Dio è un mondo di tenebre, di menzogna e di egoismo.

(altro…)

Reggio Emilia: sesso e Rivoluzione

Lascia un commentoFede e ragione,Socialismo

Mezzo secolo di conformismo alla rivoluzione sessuale

Una mostra a Milano e una a Reggio per celebrare il Sessantotto. E soprattutto il suo lascito principale, cioè la “rivoluzione”, parola ormai abusata che di rivoluzionario non ha più nulla.
Resta soprattutto la rivoluzione sessuale: la pillola, l’aborto, la separazione fra sesso e gender. E cosa resta? Tutto ormai è abituale, burocratizzato

Yoko Ono e John Lennon, guru della rivoluzione sessuale

 

Il Sessantotto compie 50 anni, ma non è mai diventato grande, ed è pure a corto di lessico. Appena spente le luci della mostra milanese Revolution. Musica e ribelli 1966-1970  ‒ un cocktail lisergico di frutti scaduti come John Lennon, Allen Ginsberg e il boia Che Guevara ‒, a Reggio Emilia si bissa con Sex & Revolution! Immaginario, utopia, liberazione (1960-1977) in programma fino al 17 giugno a Palazzo Magnani nell’ambito della XIII edizione del Festival Fotografia Europea. Fantasia al potere, dicevano, ma glien’è rimasta poca.

 

Rivoluzione: quanta leggerezza in tuo nome. È stato il Sessantotto che ci ha insegnato a risciacquarci la bocca con questo termine inflazionato, nato per rifare il mondo e finito alla tivù commerciale a celebrare il mito borghese del nuovo urban crossover che è tutta un’app.
Tutto è rivoluzione, nulla è rivoluzione. E la rivoluzione si è fatta pop e seriale, come la Marylin di Andy Warhol. Ma «la rivoluzione», diceva Luciano Bianciardi, «deve cominciare in interiore homine».
Rivoluzione va infatti scritto maiuscolo perché è una cosa seria, anzi terribile. Un termine grave e greve, pesante come un macigno, un sasso che schiaccia. È il film horror trasmesso a reti unificate da che mondo è mondo, a partire da quando nell’Eden i nostri progenitori mandarono a gambe all’aria tutto per dare retta a uno che poi finì a strisciare sul ventre, ingollando polvere e schifezze.
La Rivoluzione è una cosa seria che si dice delle cose serie.
È un progetto titanico contro Dio per asservire tutto al nemico dell’umana natura.
Ha prodotto ribellioni e sciagure, guerre e distruzioni, morti prime del corpo e morti seconde dell’anima.

(altro…)

Nuovo e-book gratis: La filosofia nel suo sviluppo storico (vol. 3)

Lascia un commentoAggiornamenti,Fede e ragione

13 aprile 2018

Il nuovo e-book gratuito è scaricabile gratuitamente
su www.totustuus.es

La filosofia nel suo sviluppo storico
Dal secolo XIX ai nostri giorni
(per i licei)

Un utile strumento per contrastare le bugie diffuse dagli insegnanti ai nostri figli.

“Si accentua, soprattutto attraverso l’illuminismo inglese e francese, l’esigenza di un umanesimo sempre più laico: autonomia delle scienze, della storia, della filosofia, ecc.; autosufficienza dell’uomo, artefice esclusivo del suo mondo, quello che egli stesso si costruisce con l’uso della ragione e della esperienza, senza alcuna dipendenza dalla religione

(altro…)