(Vaticano) “Pietro ha parlato per bocca di Leone”

Santi, padri e dottori

BENEDETTO XVI

UDIENZA
GENERALE

Aula Paolo VI
Mercoledì, 5 marzo 2008

San Leone Magno

Cari fratelli e sorelle,

proseguendo il nostro cammino tra i Padri della Chiesa, veri astri
che brillano da lontano, nel nostro incontro di oggi ci accostiamo alla figura
di un Papa, che nel 1754 fu proclamato da Benedetto XIV Dottore della Chiesa: si
tratta di san Leone Magno. Come indica l’appellativo presto attribuitogli dalla
tradizione, egli fu davvero uno dei più grandi Pontefici che abbiano onorato la
Sede romana, contribuendo moltissimo a rafforzarne l’autorità e il prestigio.
Primo Vescovo di Roma a portare il nome di Leone, adottato in seguito da altri
dodici Sommi Pontefici, è anche il primo Papa di cui ci sia giunta la
predicazione, da lui rivolta al popolo che gli si stringeva attorno durante le
celebrazioni. E’ spontaneo pensare a lui anche nel contesto delle attuali udienze generali del mercoledì, appuntamenti che
negli ultimi decenni sono divenuti per il Vescovo di Roma una forma consueta di
incontro con i fedeli e con tanti visitatori provenienti da ogni parte del
mondo.

Leone era originario della Tuscia. Divenne diacono della Chiesa di
Roma intorno all’anno 430, e col tempo acquistò in essa una posizione di grande
rilievo. Questo ruolo di spicco indusse nel 440 Galla Placidia, che in quel
momento reggeva l’Impero d’Occidente, a inviarlo in Gallia per sanare una
difficile situazione. Ma nell’estate di quell’anno il Papa Sisto III – il cui
nome è legato ai magnifici mosaici di Santa
Maria Maggiore
– morì, e a succedergli fu eletto proprio Leone, che ne
ricevette la notizia mentre stava appunto svolgendo la sua missione di pace in
Gallia. Rientrato a Roma, il nuovo Papa fu consacrato il 29 settembre del 440.
Iniziava così il suo pontificato, che durò oltre ventun anni, e che è stato
senza dubbio uno dei più importanti nella storia della Chiesa. Alla sua morte,
il 10 novembre del 461, il Papa fu sepolto presso la tomba di san Pietro. Le sue
reliquie sono custodite anche oggi in uno degli altari della Basilica
vaticana.

Quelli in cui visse Papa Leone erano tempi molto difficili: il
ripetersi delle invasioni barbariche, il progressivo indebolirsi in Occidente
dell’autorità imperiale e una lunga crisi sociale avevano imposto al Vescovo di
Roma – come sarebbe accaduto con evidenza ancora maggiore un secolo e mezzo più
tardi, durante il pontificato di Gregorio Magno – di assumere un ruolo rilevante
anche nelle vicende civili e politiche. Ciò non mancò, ovviamente, di accrescere
l’importanza e il prestigio della Sede romana. Celebre è rimasto soprattutto un
episodio della vita di Leone. Esso risale al 452, quando il Papa a Mantova,
insieme a una delegazione romana, incontrò Attila, capo degli Unni, e lo
dissuase dal proseguire la guerra d’invasione con la quale già aveva devastato
le regioni nordorientali dell’Italia. E così salvò il resto della Penisola.
Questo importante avvenimento divenne presto memorabile, e rimane come un segno
emblematico dell’azione di pace svolta dal Pontefice. Non altrettanto positivo
fu purtroppo, tre anni dopo, l’esito di un’altra iniziativa papale, segno
comunque di un coraggio che ancora ci stupisce: nella primavera del 455 Leone
non riuscì infatti a impedire che i Vandali di Genserico, giunti alle porte di
Roma, invadessero la città indifesa, che fu saccheggiata per due settimane.
Tuttavia il gesto del Papa – che, inerme e circondato dal suo clero, andò
incontro all’invasore per scongiurarlo di fermarsi – impedì almeno che Roma
fosse incendiata e ottenne che dal terribile sacco fossero risparmiate le
Basiliche di San Pietro, di San
Paolo
e di San Giovanni, nelle quali si rifugiò parte della popolazione
terrorizzata.

Conosciamo bene l’azione di Papa Leone, grazie ai suoi bellissimi
sermoni – ne sono conservati quasi cento in uno splendido e chiaro latino – e
grazie alle sue lettere, circa centocinquanta. In questi testi il Pontefice
appare in tutta la sua grandezza, rivolto al servizio della verità nella carità,
attraverso un esercizio assiduo della parola, che lo mostra nello stesso tempo
teologo e pastore. Leone Magno, costantemente sollecito dei suoi fedeli e del
popolo di Roma, ma anche della comunione tra le diverse Chiese e delle loro
necessità, fu sostenitore e promotore instancabile del primato romano,
proponendosi come autentico erede dell’apostolo Pietro: di questo si mostrarono
ben consapevoli i numerosi Vescovi, in gran parte orientali, riuniti nel
Concilio di Calcedonia.

Tenutosi nell’anno 451, con i trecentocinquanta Vescovi che vi
parteciparono, questo Concilio fu la più importante assemblea fino ad allora
celebrata nella storia della Chiesa. Calcedonia rappresenta il traguardo sicuro
della cristologia dei tre Concili ecumenici precedenti: quello di Nicea del 325,
quello di Costantinopoli del 381 e quello di Efeso del 431. Già nel VI secolo
questi quattro Concili, che riassumono la fede della Chiesa antica, vennero
infatti paragonati ai quattro Vangeli: è quanto afferma Gregorio Magno in una
famosa lettera (I,24), in cui dichiara “di accogliere e venerare, come i quattro
libri del santo Vangelo, i quattro Concili”, perché su di essi – spiega ancora
Gregorio – “come su una pietra quadrata si leva la struttura della santa fede”.
Il Concilio di Calcedonia – nel respingere l’eresia di Eutiche, che negava la
vera natura umana del Figlio di Dio – affermò l’unione nella sua unica Persona,
senza confusione e senza separazione, delle due nature umana e divina.

Questa fede in Gesù Cristo vero Dio e vero uomo veniva affermata
dal Papa in un importante testo dottrinale indirizzato al Vescovo di
Costantinopoli, il cosiddetto Tomo a Flaviano, che, letto a Calcedonia,
fu accolto dai Vescovi presenti con un’eloquente acclamazione, della quale è
conservata notizia negli atti del Concilio: “Pietro ha parlato per bocca di
Leone”, proruppero a una voce sola i Padri conciliari. Soprattutto da questo
intervento, e da altri compiuti durante la controversia cristologica di quegli
anni, risulta con evidenza come il Papa avvertisse con particolare urgenza le
responsabilità del Successore di Pietro, il cui ruolo è unico nella Chiesa,
perché “a un solo apostolo è affidato ciò che a tutti gli apostoli è
comunicato”, come afferma Leone in uno dei suoi sermoni per la festa dei santi
Pietro e Paolo (83,2). E queste responsabilità il Pontefice seppe esercitare, in
Occidente come in Oriente, intervenendo in diverse circostanze con prudenza,
fermezza e lucidità attraverso i suoi scritti e mediante i suoi legati. Mostrava
in questo modo come l’esercizio del primato romano fosse necessario allora, come
lo è oggi, per servire efficacemente la comunione, caratteristica dell’unica
Chiesa di Cristo.

Consapevole del momento storico in cui viveva e del passaggio che
stava avvenendo – in un periodo di profonda crisi – dalla Roma pagana a quella
cristiana, Leone Magno seppe essere vicino al popolo e ai fedeli con l’azione
pastorale e la predicazione. Animò la carità in una Roma provata dalle carestie,
dall’afflusso dei profughi, dalle ingiustizie e dalla povertà. Contrastò le
superstizioni pagane e l’azione dei gruppi manichei. Legò la liturgia alla vita
quotidiana dei cristiani: per esempio, unendo la pratica del digiuno alla carità
e all’elemosina soprattutto in occasione delle Quattro tempora,
che segnano nel corso dell’anno il cambiamento delle stagioni. In particolare
Leone Magno insegnò ai suoi fedeli – e ancora oggi le sue parole valgono per noi
– che la liturgia cristiana non è il ricordo di avvenimenti passati, ma
l’attualizzazione di realtà invisibili che agiscono nella vita di ognuno. E’
quanto egli sottolinea in un sermone (64,1-2) a proposito della Pasqua, da
celebrare in ogni tempo dell’anno “non tanto come qualcosa di passato, quanto
piuttosto come un evento del presente”. Tutto questo rientra in un progetto
preciso, insiste il santo Pontefice: come infatti il Creatore ha animato con il
soffio della vita razionale l’uomo plasmato dal fango della terra, così, dopo il
peccato d’origine, ha inviato il suo Figlio nel mondo per restituire all’uomo la
dignità perduta e distruggere il dominio del diavolo mediante la vita nuova
della grazia.

È questo il mistero cristologico al quale san Leone Magno, con la
sua lettera al Concilio di Calcedonia, ha dato un contributo efficace ed
essenziale, confermando per tutti i tempi — tramite tale Concilio — quanto disse
san Pietro a Cesarea di Filippo. Con Pietro e come Pietro confessò: «Tu sei il
Cristo, il Figlio del Dio vivente». E perciò Dio e Uomo insieme, “non estraneo
al genere umano, ma alieno dal peccato” (cfr Serm. 64). Nella forza di
questa fede cristologica egli fu un grande portatore di pace e di amore. Ci
mostra così la via: nella fede impariamo la carità. Impariamo quindi con san
Leone Magno a credere in Cristo, vero Dio e vero Uomo, e a realizzare questa
fede ogni giorno nell’azione per la pace e nell’amore per il prossimo.