L’ombra del Padre, il romanzo di Giuseppe

In libreria

JAN DOBRACZYNSKI, L’ombra del Padre, Morcelliana, Italia , 1998, pp. 368, € 16
 
L’ombra del Padre, il romanzo di Giuseppe, è scritto con quel rispetto e con quella discrezione tipica di chi trae la propria genialità dall’esperienza di fede che vive.
L’autore polacco Jan Dobraczynski con questo suo capolavoro avvicina molto alla gente la figura del Tutore della SS. Vergine.
In questo libro viene ripercorso il dramma di Giuseppe, dagli anni dell’incontro con la Sposa agli anni dell’infanzia del Figlio.
All’interno delle vicende storiche realmente vissute dalla Sacra Famiglia e fedelmente ricostruite, l’autore si immedesima nel dramma radicale che vive e deve vivere Giuseppe, il risultato che ne scaturisce è vertiginoso.
È il dramma umano della fede, è il concretizzarsi di una vita eroica, dove l’eroico è nel quotidiano, nella gioia del lavoro da falegname, nella fatica del sacrificio per amore di Maria, nell’obbedienza e nel dolore di essere solo un’ombra, dove la chiave di volta di tutto è l’amore, un amore smisurato che trova il suo compimento nell’amore all’uomo attraverso l’amore di Dio.
Non più solo un Dio giusto a cui obbedire, non solo l’Onnipotenza, ma l’Amore che supera ogni misura. Il romanzo sviluppa con studiata organicità le vicende narrate nella Bibbia: da Betlemme a Nazaret, da Giacobbe a Maria, dal padre alla Sposa, per poi ritornare a Betlemme affinché si compia la Parola e nasca il Salvatore.
Dal Tempio per la presentazione di Gesù e la purificazione di Maria, dove il “giusto e timorato di Dio” Simeone riconoscerà Colui che sarà “segno di contraddizione”, a Gosen in Egitto per sfuggire a re Erode, per ritornare infine a Nazaret dove ha termine il compito del padre, di Giuseppe, ed ha inizio quello del Figlio, di Gesù.
Dentro questo disegno la figura di San Giuseppe, vera icona della fede cristiana, emerge lentamente, con naturalezza: dal suo amore per la vita al modo di pregare, dal modo in cui ama sua moglie e suo figlio al modo di lavorare, dalla sua capacità di attesa e silenzio al modo di agire e di rispondere ai fatti, tutta la sua ampiezza d’animo viene tratteggiata all’interno del compito che Dio gli affida: la custodia di Maria e di Gesù.
 
Questo libro è dunque una preghiera, è la preghiera di Giuseppe, del suo cuore, preghiera che osiamo tradurre in parole “…ho tanta strada da fare e anche molto timore. Signore fatti compagno, così che la vita possa non essere vana, che io e Maria possiamo vivere una vita degna, che le nostre vite siano la Tua Gloria. Signore sostienimi, perché mi rendo conto che io non sono capace, che io da solo non sono capace. Che possa affidarmi totalmente a Te…”
 
Questa è la tensione drammatica della vita, l’uomo che vorrebbe controllare tutto e Dio che chiede di aver fiducia in Lui.
Tensione che potremmo riassumere nel grande mistero della libertà, mistero descritto perfettamente nelle parole che l’autore fa dire a Maria “Oh, Giuseppe, ogni tua fatica e preoccupazione sono le fatiche e le preoccupazioni del vero Padre. Lui ha davvero bisogno di te. Lui è così. Può fare tutto da solo, eppure vuole la nostra partecipazione…”.
 
Vero protagonista di questo libro è dunque il Mistero; il mistero del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, e il mistero del cuore eroico di San Giuseppe, uomo giusto e fedele, che nella pienezza dei tempi cooperò al grande mistero della nostra redenzione.
 
Francesco Lipari

*** *** ***

Il testo che segue è tratto dal libro “L’ombra del padre – Il romanzo di Giuseppe” di Jan Dobraczynski (al capitolo 17).

Non poteva stare sdraiato. Si sedette. All’intorno c’era la notte fonda. Dalle stelle che brulicavano nel cielo scendeva un pulviscolo verde argento. Si era fatto molto freddo. Si sfregò con le mani le braccia intirizzite, si avvolse meglio che poté nella tunica, poiché non aveva preso con sé il mantello. Il sonno se ne era andato. Il pensiero lavorava febbrilmente.

Un segno per me … ? Quale segno ? Che cos’ha in comune la storia di una bisavola con quello che è toccato a me ? Ho deciso di andarmene. Non trovo un’altra via di uscita. Non vedrò più Miriam. Non potrei vederla. Se la guardassi, non riuscirei a credere alla realtà. Bisogna essere pazzi per non ammettere la verità di ciò che dicono gli occhi e gli orecchi. Eppure … così debbo andarmene ! Debbo fuggire ! Ma se non ho fatto nulla di male ? Perché debbo scappare come un vigliacco, che teme la punizione ? Se fuggirò, questa fuga farà sì che tutti mi giudicheranno indegno. Ma soltanto così posso salvarla. Io non posso accusarla. Debbo rinunciare sia a lei che al mio buon nome …

– Non temere, prendila in casa tua …
Sentì quelle parole come se qualcuno le avesse pronunciate ad alta voce accanto a lui. Si guardò vivamente all’intorno. Ma niente intorno a lui era cambiato. Continuava la notte, argentea e gelida. Il chiarore delle stelle era tanto vivido, che vedeva tutto attorno a sé. Non c’era nessuno. Nei pressi era cresciuto soltanto un fiore bianco, dall’intenso profumo. Del resto poteva darsi che il fiore fosse serrato e che soltanto nell’oscurità avesse dischiuso i suoi petali ?

Si raggomitolò cercando calore nel proprio corpo. Si addormentò di nuovo. Nel sonno il fiore crebbe, divenne enorme, si piegò su di lui. Disse :
– Accoglila in casa come tua moglie. Non è stato un uomo a portartela via … Egli stesso si è piegato su di lei. Colui che nascerà sarà il Redentore atteso da tutti. Proprio di lei e di Lui parlava il profeta. Giungerà per insegnare l’amore più grande. Non riuscirei neppure a dirti quanto Lui vi ami … Egli stesso ve lo dirà, genere umano. Egli stesso ve lo dimostrerà. Ma prima che ciò accada, la cosa deve rimanere celata. Questo Egli vuole, per non abbagliare con la sua luce. Non costringere. Desidera conquistarvi, come un ragazzo conquista colei che ama, travestendosi da mendicante e ponendo il suo cuore ai suoi piedi. Proprio tu dovresti comprenderlo …

Giuseppe stava sdraiato tutto tremante. Adesso non sapeva più se dormiva o se sentiva davvero quelle parole.
– E’ possibile ? … – sussurrò.
Tutto questo è vero – gli parve di sentire. – Come Lo conoscete poco, pur avendo sperimentato tanto amore … Davvero non sapete fino ad ora chi Egli sia ? ascolta, Giuseppe, figlio di Davide e Acaz, di Ezechia e di Giacobbe. Egli ti chiede: vuoi tu, che hai fatto la rinuncia insieme a lei, rimanere presso di lei come l’ombra del Padre … ? Acconsenti ?

Giuseppe sedette di nuovo. Il profumo del fiore si spandeva verso di lui nell’oscurità. Sul suo capo scintillavano le stelle. Il silenzio regnava. Si passò le dita sul viso, come ad assicurarsi che non avesse cambiato la sua forma.
– Ci riuscirò ? – sussurrò. – La amo tanto …
– Prendila in casa tua …
Le ultime parole risonarono nel silenzio. Quando si levò in piedi, non vide più il fiore.
Strinse le mani al viso. Aveva pregato tante volte nella vita: Rivelami, Signore, la Tua volontà, indicami quel che devo fare. Attenderò paziente il tuo comando … Aveva atteso tanti anni. Gli pareva di sapere che cosa stesse aspettando. Quello che attendeva era giunto. Ma al contempo aveva superato le sue aspettative. Si trovava al cospetto di qualcosa di così enorme, che gli pareva che quell’enormità lo schiacciasse. Lo prese il timore. Ma in quello sbigottimento una cosa sapeva: c’era la felicità di poter tornare da Miriam.

Scosse con forza il capo, come se volesse, con questo movimento, allontanare da sè tutte le recriminazioni umane.
In qualche punto in lontananza, sulla cima lucente dell’Hermon, si era lacerata la cortina della notte. Una striscia di luce era comparsa al di sopra del merletto formato dalla cima.

Aprì le braccia e pregò: Oh Signore, non distogliere da me il Tuo volto. Sii benevolo e misericordioso verso la mia ottusità. Adesso so che cosa mi hai ordinato di attendere. Chi mai sono io, per osare ribellarmi ? Poiché Tu esigi che io abbia una moglie che non sarà mia moglie, e un figlio per il quale dovrò essere padre, anche se padre non sono, che accada conformemente alla Tua volontà. che sia come tu vuoi. Sostienimi, se la mia intelligenza e la mia volontà si indeboliranno. Accogli la mia decisione oggi, che mi hai donato la forza …

In faccia al giorno che schiariva si erse come Giosuè alle soglie della Terra Promessa e come quello mormorò l’antica preghiera:
– Accolgo il peso del Tuo Regno, Signore nostro …