La Chiesa cattolica. Dove tutte le verità si danno appuntamento

In libreria

Gilbert Keith Chesterton, La Chiesa cattolica. Dove tutte le verità si danno appuntamento, Lindau, Torino 2010, pp. 116, € 13,00.

Sconto su: http://www.theseuslibri.it

 

La società occidentale postmoderna viene solitamente descritta come una società libera, orgogliosamente fondata sul primato dei diritti e soprattutto della tolleranza. Sembrerebbe una società ideale, in cui tutto si puo dire, eppure restano, inaspettate, delle parole tabù.

Conversione e una delle parole tabù dei giorni nostri. Sui mezzi di comunicazione e nei salotti pubblici ben poche persone osano pronunciarla e ancora meno la tollerano. Probabilmente perche si tratta di una parola di per se impegnativa, che presuppone peraltro lesistenza di una Verita oggettiva da riconoscere, superiore al singolo individuo ・ cose veramente intollerabili per la diffusa cultura del disimpegno e del relativismo morale. Il saggio del "convertito eccellente" Gilbert Keith Chesterton (1874-1936) pubblicato per la prima volta in Italia da Lindau offre a tal proposito, sul tema della conversione (e dei convertiti), delle riflessioni straordinariamente puntuali. Nella Prefazione (pp. 5-10), Marco Sermarini, presidente della Società Chestertoniana Italiana, tratteggia brevemente il profilo del grande scrittore inglese mettendone in luce leccezionale ars retorica, propria dei grandi apologeti di Cristo: "quando Chesterton parla di religione, ne parla sempre a partire dalla ragione e dalla vita. Non fa un "discorso ecclesiastico" o clericale. Puo partire da un pezzo di gesso, un dente di leone o un tramonto per arrivare al rapporto di ciascuno di noi con il Mistero. Perche per lui fu cosi: il Mistero che fa tutte le cose si manifesto nella sua vita attraverso gli umili ma potenti segni dellallegria familiare, del gusto del bello scorto nelle cose di tutti i giorniTutto era la conferma che la vita era degna di essere vissuta, che il mondo era magico e che, se ne aveva scoperto la magia, voleva dire che cera un Mago" (p. 9).

Seguono sei capitoli nel consueto stile chestertoniano brillante e paradossale su quelle che il futuro inventore dellindimenticabile "Padre Brown" definisce le fasi-tipiche della conversione: anzitutto la caduta dei pregiudizi e delle proiezioni mentali su quello che loutsider "crede" sia la religione, quindi la scoperta della bellezza e della grandezza della fede, infine la consapevolezza del dono ricevuto, da conservare, difendere e comunicare. La conversione autentica infatti ・ come insegna Papa Benedetto XVI nel suo libro Gesù di Nazaret ・ non scaturisce mai da unastratta decisione intellettuale ma da un incontro: la scoperta del volto amorevole di Cristo che chiama lumanita di ogni tempo alla sua sequela. Una scoperta che vince ogni resistenza e persuade tutti gli scetticismi covati fino a quel momento nellanima: "avevo intenzione di farmi cattolico tanto quanto di diventare cannibale" (p. 55), confida con ironia il grande scrittore per testimoniare la potenza imprevedibile della grazia davanti alla sua orgogliosa testardaggine. Parlando a un pubblico ieri come oggi per lo piu critico verso la maturità dei convertiti, da alcuni guardati alla stregua di fuggiaschi del mondo che coltivano illusioni, il futuro apologeta sottolinea poi come una delle chiavi di lettura delle vere conversioni sia invece proprio ladesione alla realta: "il convertito non abbandona affatto la ricerca e nemmeno lavventura. Non pensa di sapere tutto, ne ha perso interesse per cio che non conosce. Ma lesperienza gli ha insegnato che quasi tutto si trova da qualche parte allinterno di quel maniero, e che al di fuori molti non trovano quasi nulla" (p. 79). Quel maniero che resiste alle crepe e alle sofferenze dei tempi e la Chiesa, che Chesterton ・ ancora, come tutti i veri convertiti ・ ama con tutto il cuore in quanto luogo di grazia, prescelto dal Signore per comunicarsi ai suoi figli. Insomma, "diventare cattolici non significa smettere di pensare, ma imparare a farlo. e questo il suo significato, proprio come guarire da una paralisi non significa rinunciare a muoversi, ma imparare a farlo" (p. 79).

Il passo successivo e la rilettura di quella storia e di quella civilta cristiana che il pensiero moderno ha in gran parte rifiutato, pur continuando a goderne i numerosi frutti morali e sociali. Cosi, Chesterton si definisce un "medievalista, nel senso che a mio avviso la vita moderna ha molto da imparare da quella medievale".

E a chi parla di Medioevo riferendosi ai "secoli bui", non esita a rispondere che "i secoli bui hanno migliorato la [] vita squallida e volgare" (p. 73) che lumanita aveva condotto fino ad allora. Daltronde, il Medioevo fu leta di Dante Alighieri (1265-1321), di san Tommaso dAquino (1225-1274) e di Giotto (1267-1337), solo per citare tre geni assoluti che hanno illuminato — come ben pochi dopo di loro — tre differenti campi di studio. Queste figure — ma se ne potrebbero citare tante altre — esemplificano in modo eloquente il binomio caratteristico da sempre della fede cristiana, ultimamente richiamato in funzione pedagogica anche dal magistero pontificio: ragione e liberta. Di conseguenza, "il fatto che la maggioranza delle persone ritenga siano queste le due cose proibite ai cattolici, e unosservazione illuminante sullattuale propaganda anticattolica" (p. 99). Il piu grande debito verso la fede pero riguarda la difesa cristallina di quel che chiamiamo ordinariamente buon senso e garantisce la stabilita delle fondamenta della civilta contro le passioni ebbre delle ideologie alla moda: infatti, "ogni passo indietro verso il buon senso e un passo indietro verso il cattolicesimo" (p. 75). La Chiesa muove i suoi passi ・ ieri come oggi ・ tra mille insidie, tuttavia "fintanto che rimarra un barlume di buon senso, nonostante il giornalismo e listruzione di stato, sarà possibile riconoscere cio che definiamo una realtà" (p. 101).

Da ultimo Chesterton ricorre alla testimonianza e allazione trascinante dei grandi convertiti del suo tempo, compagni di strada nellaffascinante cammino alla ricerca della verità.

Fra di essi soprattutto il cardinale — presto beato — John Henry Newman (1801-1890), che aveva smascherato i diffusi pregiudizi e gli stereotipi anticattolici della società del tempo nelle pagine formidabili dei Discorsi sul pregiudizio: la condizione dei cattolici in Inghilterra nel 1851. Cosi, la Chiesa si rivela veramente come il luogo in cui tutte le verita si danno appuntamento: essa, infatti, e "lunica cosa in grado di salvare luomo da una schiavitù degradante, quella di essere figlio del suo Tempo" (p. 85).

Omar Ebrahime

Tratto da Cultura&Identità, giugno 2010