Il sesso come lo spiegherei ai miei figli

In libreria

\"\"Leda Galli, Dal corpo alla persona. Il sesso come lo spiegherei ai miei figli. Prefazione del card. Carlo Caffarra, Edizioni San Paolo, Cinisello Balsamo 2008, pp. 200 pagine , € 13,00

Abbiamo sempre il coraggio di rispondere alle domande dei nostri figli, anche quelle più ‘imbarazzanti’, quelle sulla sessualità e sull’amore? Per aiutarci in questo difficile compito, è stato appena pubblicato dalla San Paolo (collana Progetto famiglia) il libro Dal corpo alla persona. Il sesso come lo spiegherei ai miei figli”, dalla prof.ssa Leda Galli, biologa in pensione ed attualmente membro del Comitato etico del Campus bio-Medico di Roma.

“Nell’odierno clima culturale di relativismo, i giovani – privati di chiari punti di riferimento – sono spesso in balia di un angoscioso smarrimento esistenziale, che può spingerli ad una visione superficiale della vita e indurli a comportamenti trasgressivi, a volte anche violenti” (p.7). In questo modo il Cardinale Carlo Caffarra, Arcivescovo di Bologna, inizia la sua Prefazione al volume, che così continua: “Si comprende così che molti genitori si scoprano impreparati e comunque in seria difficoltà nel portare a compimento la loro missione educativa, che è quella di accompagnare la persona verso la pienezza della sua umanità. Da parte sua la scuola tende a sostituirsi alla famiglia, fornendo non raramente orientamenti educativi, proprio nell’ambito delicato della sessualità, quantomeno assai discutibili. Ne consegue che il disagio giovanile sta dilagando un po’ ovunque, come dimostrano il sempre più frequente e disperato ricorso alla fuga attraverso le droghe e gli atteggiamenti eversivi o altrettanto disperato ripiegamento su se stessi con la caduta nella depressione” (p. 8). Questo testo quindi nasce per proporre ai giovani un percorso nella loro ricerca di senso, un percorso fatto di basi solide su cui fondare una vita felice. Il libro nasce dopo che l’Autrice ha curato negli scorsi anni diversi contributi sul tema dell’educazione sessuale per il sito del MOIGE, Movimento Italiano Genitori (www.moige.it) che numerosi attacchi ha ricevuto da più parti. La Galli si è così resa conto che: “in un momento di palese smarrimento circa la consapevolezza dell’identità dell’uomo, del senso della vita e della qualità dei valori che la informano, sembra quanto mai opportuno offrire, specie alle nuove generazioni, coordinate chiare che, pur nel rispetto della inviolabile libertà personale, permettano tuttavia di individuare i punti fermi di riferimento e conseguenti orientamenti coerenti” (p. 10). Le “coordinate” di cui parla l’Autrice spaziano quindi dalla sessualità giovanile al pudore, dal rapporto di coppia alla contraccezione, dalle devianze sessuali alle convivenze prematrimoniali, per finire con i metodi naturali di regolazione delle nascite ed il mondo misterioso ed affascinante della procreazione umana.
Il volume è suddiviso in tre parti: nella prima (Uomo chi sei?) s’illustra la realtà profonda della sessualità, quale espressione integrale della persona umana; nella seconda (La deriva contemporanea), si approfondiscono alcuni punti controversi che fanno discutere nella società contemporanea (dalla masturbazione ai rapporti prematrimoniali, dall\’omosessualità alla contraccezione); nell’ultima, infine (Alla scoperta della bellezza), ci si dedica alla spiegazione dell\’anatomia e della fisiologia del corpo dell\’uomo e della donna, dei processi e dei meccanismi della sessualità e della fecondità.
Se nella cultura postmoderna occidentale e laicista si trovano ormai tante etiche quante sono le opinioni individuali, la Galli dimostra come, nei temi antropologici e della sessualità, il dato biologico, inoppugnabile, sta lì ad indicare molte cose. La novità del libro sta proprio in questo: nell\’aiutare il lettore a scoprire che c\’è un\’etica già inscritta nella biologia umana e non la mia etica o una etica qualsiasi, ma quella che scaturisce da sé, per logica rigorosa, dal dato scientifico. Nel saggio, osservazioni di carattere biologico e considerazioni etiche si susseguono in modo serrato – senza preconcetti ma anche senza facili concessioni al luogo comune – guidate solo dalla volontà di procedere con coerenza: l’Autrice riesce così ad insegnarci a guardare con occhi ammirati al linguaggio del corpo che, oltre la biologia, svela significati profondi a chi sia disposto a leggerli senza i paraocchi dell’ideologia.
Il testo è scritto con linguaggio divulgativo e, pur usando una terminologia scientifica corretta e completa, non mette in difficoltà il lettore ricorrendo a spiegazioni chiare, accurate e semplici. Tutto ciò lo rende non solo una “bussola” efficace per i giovani che cercano risposte chiare ai loro dubbi, ma anche un valido supporto per genitori, sacerdoti ed educatori, per cui costituisce un sussidio utile per la loro rispettiva, delicatissima, missione.

Sara Deodati