I Dieci Comandamenti. Su Rai 1 da mercoledì 23 giugno alle ore 23.10

Notizie

I Dieci Comandamenti – il Coraggio di Amare !


Dieci semplici parole scolpite nel cuore degli uomini”


7 puntate da 50 minuti.

Scritto e diretto da Luca De Mata con la supervisione: S.E. Mauro Piacenza (Presidente Pontificia Commissione dei Beni Culturali della Chiesa), Padre Massimo Cenci(PIME) Sottosegretario della Congregazione per l’Evangelizzazione dei Popoli, Don Massimo Camisasca (Scrittore e saggista). Il coordinamento è stato di Don Luciano Alimandi con la supervisione editoriale di Teresa De Santis. La colonna sonora è stata scritta dal Maestro Stelvio Cipriani (le parti cantate sono esclusivamente nelle lingue: Aramaico, Ebreo, Arabo).

Indice delle puntate:


I : Io sono il Signore Dio tuo: Non avrai altro Dio all’infuori di Me.


II : Non nominare il nome di Dio invano. Ricordati di Santificare le Feste.


III: Non desiderare la donna d’altri. Non commettere atti impuri.


IV : Onora il Padre e la Madre


V:Non rubare. Non desiderare la roba d’altri..


VI: Non dire falsa testimonianza. Non uccidere.


VII: Il Coraggio di Amare.


Premessa


Quale popolo del nostro pianeta non cerca pace e benessere? Ma con quali regole? Con quali leggi? E poi quali regole e quali leggi segnano i confini di ognuno di noi nella ricerca del nostro benessere e della nostra pace?


Quali regole e quali leggi perché la pace dell’uno non sia l’incubo dell’altro! perché il mio benessere non sia la tua miseria!… perché la nostra felicità non sia la vostra disperazione?


Ebrei, Cristiani e Musulmani, hanno basato e basano i loro comportamenti su i Dieci Comandamenti.


Ma tutto questo è ancora vero?


E’ ancora vero che questa umanità, o quanto meno la maggioranza di questa umanità siano essi Musulmani, Ebrei o Cristiani:




  1. Credono in un solo Dio?



  2. Non nominano il nome di Dio invano?



  3. Si ricordano di Santificare le Feste?



  4. Onorano il padre e la madre?



  5. Non uccidono?



  6. Non commettono atti impuri?



  7. Non rubano?



  8. Non dicono falsa testimonianza?



  9. Non desiderano la donna d’altri?



  10. Non desiderano la roba d’altri.?


Oggi cosa rimane e come sono vissuti i Dieci Comandamenti nella realtà quotidiana dei popoli, nei loro comportamenti, nelle leggi dei governi?


Ed ancora! oggi! quanto nella nostra vita quotidiana e personale, dei nostri comportamenti, è nel rispetto dei Dieci Comandamenti ?


Quanti oggi sono convinti che il rispetto delle Leggi date a Mosè sul Monte Sinai sono alla base della pace, del benessere, della convivenza tra popoli e persone?


Quanti sono convinti di seguire le Leggi date a Mosè pur uccidendo e rubando?


Quanti sono convinti di seguire le Leggi date a Mosè pur piegandole ad una interpretazione soggettiva, pur negando a queste leggi la semplicità di valore, di verità universale, di verità universalmente accettata dai popoli anche non di Fede Monoteista?


I Dieci Comandamenti non sono stati forse inseriti al centro della carta dei diritti inalienabile dell’umanità al momento della fondazione delle Nazioni Unite?


Perché i valori dei Dieci Comandamenti spesso, troppo spesso si allontanano dal dibattito della nostra vita quotidiana? quasi che la forza dei Dieci Comandamenti ci faccia paura, quasi che la forza di queste Dieci Verità metta in discussione e non aiuti i nostri comportamenti nel segno della solidarietà, dell’amore e del rispetto tra civiltà diverse ma contigue, separate nelle forme ma unite in 10 principi comuni di comportamento !


Solo una manciata di anni fa le religioni erano separate anche geograficamente, i confini delle nazioni nati dopo secolari guerre di religione, erano anche i confini tra i popoli di religione diversi… ed oggi?


Mai come oggi i confini sono sempre solo più economici. Le aree della ricchezza confinano con le aree della povertà e del sottosviluppo.


La cultura dello scambio globale fa sembrare per un verso azzerati secoli di guerre territoriali e di divisioni tra i popoli, dall’altro verso esplodono, improvvisi quanto spietati, scontri etnici, sociali, religiosi, di cui è difficile delineare gli esiti… Esplodono dissidi che è sempre più difficile rincondurli alla cultura della convivenza pacifica se non con le armi… ma perché questa follia? tanto più che la maggioranza della nostra umanità si riconosce e si è riconosciuta e si orientata nei comportamenti, per millenni, facendo riferimento alle leggi dei Dieci Comandamenti… cosa ostacola perché questi Dieci Comandamenti siano un momento reale di condivisione e di reale amore, di reale solidarietà, di reale benessere e di reale pace tra tutti gli uomini di buona volontà?


Quanto oggi i Dieci Comandamenti influenzano, regolano, le relazioni tra i singoli e tra i popoli, tra le civiltà e le religioni? Ed ancora quanto i Dieci Comandamenti tengono l’umanità su un comune binario etico, sia esso nel rapporto tra necessità primarie dello sviluppo economico, della dignità e del rispetto della persona, della ricerca scientifica, dei valori e delle libertà?…


E poi cosa significa “progresso” oggi, alla luce oggi dei Dieci Comandamenti del Monte Sinai?


Quanti oggi, con coraggio! accettano fino in fondo, la sfida di osservare i Dieci Comandamenti ?


Quanti oggi, con coraggio! accettano fino in fondo, la sfida di chi afferma che osservare i Dieci Comandamenti salverebbe l’umanità dalla catastrofe dell’egoismo?


Quanti oggi, con coraggio! accettano fino in fondo, la sfida che Mosè offrì al suo popolo contro i falsi idoli?


Queste sette puntate vogliono essere un tessuto di denuncia per un dibattito che apra alla convivenza nella pace e nella tolleranza delle diversità religiose e civili. Sette fotografie di 11temi per un dibattito sull’oggi. Sette fotografie che sembrerebbero ovvie nella loro verità, ma che poi, come è nell’evidenza della storia di cui siamo protagonisti non sono così evidentemente scontate! Sette fotografie dei Dieci Comandamenti ignorati. Voltare le spalle ai Dieci comandamenti ha portato a conseguenze quali non vorremmo conoscere, ma che pesano come incubo su tutta l’umanità che non vuole riconoscersi nelle leggi naturali quali Dio indico a Mosè! E questo è inconfutabile sia per chi crede e per chi non crede ad un Dio!


Quale esso sia ! Sette fotografie di un viaggio nell’umanità di oggi alla scoperta di quanto i Dieci Comandamenti siano ancora una realtà concreta calata nella quotidianità del nostro vivere, delle relazioni e della convivenza.


Sette fotografie per approfondire e dibattere temi che spesso mettiamo da parte, ma con i quali, prima o poi, tutti dobbiamo fare i conti se vogliamo interrogarci dentro, se vogliamo evitare la catastrofe dei fondamentalismi, delle ideologie o della superficialità… Ne va della sopravvivenza dell’umanità!


Sette fotografie o meglio “sette valigie di appunti” riportate dal ritorno di un viaggio tra culture, popoli, religioni diverse cercando di tessere una trama di dialogo e di confronto. Sette valige di appunti, di emozioni più spesso drammaticamente disperate che gioiose, ma che nella loro crudezza offrono un reale contributo al dibattito sulla società multietnica e multirazziale. Un contributo che ha nei Dieci Comandamenti un punto di riferimento certo per affermare una strada comune nella convivenza civile, nella pace e nel progresso pur nel rispetto delle diversità.


Protagonista è la realtà, la verità! Un documento vero, senza preconcetti, senza tesi precostituite…anche se è evidente la matrice cattolica e la prevalenza del pensiero cattolico nell’affrontare le varie realtà del nostro mondo contemporaneo convinti che solo facendo dibattito c’è progresso, c’è crescita umana, c’è scambio di valori, c’è riflessione, c’è tolleranza, convivenza pacifica.


E quindi…oggi i Dieci Comandamenti sono ancora alla base dei nostri comportamenti? Anche perché le nostre vite sono così intrise di contraddizioni, di ovvietà, di certezze e di speranze che non siamo quasi più capaci di confrontarci senza pregiudizi e falsi idoli!


Mai come oggi l’umanità rischia di sprofondare in un baratro senza ritorno se non si ritrova all’interno di comportamenti che si regolino, si misurino e si confrontino con una comune Legge millenariamente condivisa.


Tutto questo è vero?


Sono ancora oggi i Dieci Comandamenti la strada della convivenza tra i popoli…Sono: il Coraggio di Amare?


A tutto questo cercheremo di rispondere con le 7 puntate dei:


Dieci Comandamenti – Il Coraggio di Amare!


7 puntate girate attraverso tutti i continenti. Un grande lavoro di inchiesta durato oltre 2 anni, tra tutte le contraddizioni di un quotidiano planetario sconosciuto, quanto miserabile e quanto eroico di gente comune, fatti minimali ma che tutti insieme fanno la speranza del Coraggio di Amare.




luca de mata – giugno 2004



Indice delle puntate


La puntata 1 (Io sono il Signore Dio tuo…)




  • Il pianeta ed i numeri della fame e delle guerre, delle malattie e del dolore.



  • I Dieci Comandamenti siano considerati dati da Dio o legge naturale di fatto ci riportano tutti ad un Principio Comune che ci fa tutti fratelli!



  • Ma delle Tavole delle Legge cosa rimane materialmente…la risposta è l’Etiopia



  • Ed i popoli animisti?…I riti vudu ed i 10 Comandamenti.



  • Nella disperazione dei campi profughi del Rwanda … una testimonianza per tutti!



  • Polonia la storia di una donna qualunque emarginata nella miseria



  • E poi 3 vite consacrate quasi per caso oggi



  • Chiude un malato di AIDS che ritrova fiducia in un prossimo che ha il Coraggio di Amare




La puntata 2 (Ricordati di Santificare le feste. Non nominare il Nome di Dio invano…)




  • Le memorie di quando nelle nazioni dei regimi non potevi esprimere la tua Fede.




  • Donne di spalle raccontano quali ricatti devono subire nelle nazioni dove legge e fede coincidono.



  • La speranza della convivenza pacifica nello sterminato continente indiano



  • La bestemmia del genocidio…di tutti i genocidi



  • La bestemmia di accettare che milioni di bambini vivano abbandonati sulle strade delle città del mondo



  • La bestemmia che nulla si faccia per continenti come l’Africa…Dialoghi di rifugiati.



  • Una preghiera dei pastori del nord del Kenya nella loro lingua chiude la puntata.




La puntata 3 (Non commettere atti impuri…)




  • La sessualità quale territorio delle mafie che trafficano in carne umana.



  • L’escissione femminile una questione in Africa che non tocca solo il mondo mussulmano ma anche animisti e cristiano, 



  • La prostituzione negli slum dei Nairobi



  • Il prezzo delle donne vendute in Sudan



  • La professoressa Zeinab Radawan dell’Università del Cairo: affronta tutta la questione del velo e della poligamia nell’Islam.



  • E…le favelas in Brasie…



  • La violenza su una ragazza indiana – Il dominio maschile e caste nei rapporti uomo donna.



  • Etiopia nascere femmina e povera…



  • Le ragazze dell’est mandate sulla strada (Polonia)…che spingono ad abortire perché così continuino a fruttare ai magnaccia



  • La delicata questione della sessualità nelle Clausure



  • Non ultima la testimonianza di un Vescovo Americano sulla responsabilità del sacerdote verso le tematiche sessuali anche a livello del singolo.




La puntata 4 (Onora il Padre e la Madre…)




  • Cosa significa oggi onora il padre e la madre che ti vendono come puttana, ti costringono a matrimoni forzati, se sei femmina puoi anche morire?



  • Cosa significa oggi onora il padre e la madre che ti abbandonano alla volontà di una setta? (Brasile – Sana Salvador de Baja.)



  • Cosa significa onora il padre e la madre che ti abbandonano in un orfanotrofio?



  • Cosa significa onora il padre e la madre se loro ti hanno condannato a morire di AIDS a poco più di 11 anni?



  • Cosa significa onora il padre e la madre se nasci sordomuto tra le cime delle Ande?



  • Cosa significa per te padre e spacciatore onora il padre e la madre?



  • Cosa significa per te spacciatore abbandonato in un orfanotrofio in Brasile onora il padre e la madre?



  • Cosa significa per te ex tossico essere padre?



  • Cosa potrà significare per te essere figlio clonato?



  • Chiude il rabbino Kennet L.Brickman in Usa




La puntata 5 (Non rubare)




  • Lì c’è più che da noi e sono poveri! E da noi che c’è meno che da loro siamo ricchi! Perché?



  • Perché ogni anno milioni di esseri umani e prima di tutto bambini muoiono di fame…e da noi per equilibrare la produzione distruggiamo il cibo! Perché?



  • Cosa significa essere bambini di strada e dover rubare per mangiare? Colpevoli o innocenti?



  • La globalizzazione! Quale etica perché non sia idolo, furto, ma progresso!



  • Ma se la miseria planetaria dell80% contro il 20% del benessere si salda con le nuove ideologie fondamentalisti ed intolleranti cosa sarà di tutti noi…o meglio cosa rimarrà delle parole progresso e civiltà?




La puntata 6 (Non Uccidere)




  • Il Genocidio del Rwanda in tutta la sua crudezza con immagini mai viste, di ieri e di oggi



  • Il martire chi è? Chi si uccide uccidendo degli inermi o chi si fa uccidere per salvare la vita degli inermi? Rispondo una serie di personalità islamiche ed Imam.



  • La questione della pena di morte soprattutto negli Usa



  • La professoressa Wanda Poltwaska racconta la sua esperienza nei lager ed il suo impegno sulla questione dell’aborto



  • La fame e le sue vittime. La domanda uccisi od assassinati dalla fame e se la fame fosse trascinata in tribunale chi sarebbero i mandanti?




La puntata 7 Il Coraggio di Amare: Ama il Tuo Prossimo come Te stesso!




  • Ma ci sono anche tanti che amano il loro prossimo come se stessi e sono lì dove nessuno vuole essere pronti ad offrire anche la loro vita per te!