(CorSera) La penetrazione di Al Qaeda in Palestina dietro il martirio

Islam

Direttore della biblioteca della Società biblica, era accusato di proselitismo

Rapito e ucciso il libraio cristiano di Gaza
Per mesi minacciato da gruppi qaedisti. Condanna dei vertici di Hamas

GERUSALEMME — «Sono con qualcuno. Farò tardi, non aspettarmi per
cena». La moglie ha aspettato, Rami Khader Ayyad non è tornato.
«Qualcuno» gli ha sparato un paio di colpi alla testa e ha scaricato il
corpo martoriato dalle coltellate vicino a una delle moschee di Gaza.
Rami, 32 anni, era cristiano, dirigeva la libreria della Società
biblica palestinese. Era cristiano e aveva paura. Da mesi lo
minacciavano di morte, pensava di essere seguito, temeva di essere
ammazzato. La libreria era stata incendiata in aprile, un attacco
rivendicato dalla Spada del-l’Islam, gruppo nato da poco e che sostiene
di essere vicino ad Al Qaeda. Rami aveva chiuso il negozio sabato al
tramonto. Dal giorno prima, era preoccupato per un’auto senza targa che
si aggirava nei dintorni. Quando ha telefonato, la moglie — incinta, a
casa con gli altri due figli — ha capito il pericolo e ha avvertito la
polizia. Rami è stato eliminato poche ore dopo.

«Ucciso per la sua fede», commenta da Gerusalemme un
portavoce della Società biblica. A Gaza, tra i 3.200 cristiani, le
accuse vengono fatte sottovoce. La comunità teme rappresaglie. Rami e
gli altri attivisti sono accusati di compiere attività missionaria.
Ismail Haniyeh, il premier di Hamas deposto dal presidente Abu Mazen,
si è affrettato a ripetere che «i cristiani sono parte del nostro
popolo e non permetteremo a nessuno di sabotare questa alleanza
storica». Eppure i cristiani della Striscia spiegano che la situazione
è peggiorata, da quando il movimento fondamentalista ha preso il
controllo con un’operazione militare. Durante gli scontri di giugno,
una scuola e un convento guidati da suore cattoliche erano stati
saccheggiati e incendiati. «Niente accade per caso in questi giorni»,
aveva commentato il reverendo Manuel Muallem. Gruppuscoli come la Spada
dell’Islam hanno attaccato negli ultimi mesi gli Internet caffè e i
negozi di musica. «Vogliono imporre la legge islamica e chiedono che
anche noi ci sottomettiamo», ha denunciato il reverendo Hanna Massad,
pastore battista. Al funerali di Rami hanno partecipato anche tanti
musulmani. La bara è stata trasportata alla chiesa greco- ortodossa,
dall’auto sventolavano tre bandiere palestinesi. «Hai sacrificato il
tuo sangue per quello di Gesù », ha gridato la madre piangendo. La
famiglia ha voluto enfatizzare la relazione con gli islamici. «Abbiamo
combattuto insieme per decenni».