Bologna: laboratorio del gender scolastico per il paese?

Teorie di genere - omosessualismo

 Il capoluogo emiliano ancora una volta è come un laboratorio per la sperimentazione delle tecniche con cui diffondere l'ideologia omosessualista. Un Comune che, ogni anno, finanzia con decine di migliaia di euro dei contribuenti di euro l'arcigay e ogni progetto inteso a cambiare la nostra cultura e mentalità.

 Bologna e la 3º Edizione di “Educare alle differenze”

 di Cristiano Lugli, per Osservatorio Gender

 

Nell’instancabile e rossa Bologna se ne sono viste nel corso degli anni sempre delle belle, in particolar modo per quel che riguarda gli ambienti LGBT presenti sul territorio di cui il capoluogo emiliano è la “capitale”.

Con il passare del tempo si sono formate ed organizzate tantissime associazioni che lottano sul campo dei “diritti uguali per tutti” cooperando liberamente con asili, scuole pubbliche, università e tanti altri enti che godono comunque del beneplacito comunale o addirittura ministeriale.

Una di queste è sicuramente “ProgettoAlice“, un’associazione “educativa” fatta di pedagogisti e quant’altro che pone i propri tentacoli ovunque, tanto che non è fissa solo sul territorio bolognese, ma si presta a trasferte pur di poter proporre le proprie assurdità che, fondamentalmente, sono tutte basate sul superamento delle differenze di genere.
Parlammo di questa associazione anche tempo fa qui sull’Osservatorio, poiché venne a tenere – con due suoi rappresentanti – due lectio sul gender nella scuola primaria San Giovanni Bosco a Reggio-Emilia.

Progetto Alice insieme all’Associazione Scosse ( anche questa trattammo, poiché presente sul territorio di Parma ) , Stonewall, e altre 200 associazioni un po’ meno conosciute in foro esterno, presenteranno la 3º edizione di “Educare alla differenze”.

Nelle giornate del 24 e 25 settembre, a Bologna insegnanti, attivisti/e, operatrici del privato sociale, educatori, psicologhe, editrici e ricercatori lavoreranno ancora una volta insieme, per condividere strumenti di lavoro, “buone pratiche” e metodologie didattiche:

“Convinti che l’educazione alle differenze debba essere un elemento imprescindibile della scuola pubblica, laica e plurale” – secondo quanto sostenuto dall’Associazione Scosse, a cui fa ovviamente coda il pensiero degli altri gruppi coinvolti.

Gli organizzatori però sembrano non essere ancora soddisfatti dei risultati ottenuti, e nonostante l’intenso lavoro di sovversione culturale per cui si applicano annualmente, la resistenza a questo tipo di “pedagogia gender” sembra non aver attecchito abbastanza:

“Nonostante il successo della scorsa edizione, l’anno che ne è seguito non è stato facile: tante e tanti di noi hanno dovuto fare quotidianamente i conti con l’inasprirsi della campagna “anti-gender” e con la recrudescenza di razzismo e xenofobia che hanno reso il lavoro educativo – dentro e fuori la scuola – una sfida sempre più complessa.”

La campagna anti-gender, di cui ci sentiamo anche un po’ responsabili ( e per fortuna! ) ha quindi ostacolato il lavoro operato dal comitato “Educare alle differenze“, ed è per questo che ci si mobilita per rilanciare una 3º edizione ancora più protesa ad inserirsi efficacemente nell’istruzione pubblica:

“Da quanto emerso dalla plenaria dello scorso anno, però, ci è parso che vi sia anche un bisogno diffuso di trovare occasioni per pensare insieme e costruire un lessico comune su educazione e differenze. Per questa ragione, quest’anno i laboratori di scambio di buone pratiche saranno affiancati da quattro laboratori del pensiero che affronteranno altrettanti nodi in chiave educativa: stereotipi di genere e identità; violenza tra pari, maschilità e omofobia; intersezioni tra identità di genere, sessualità e provenienza culturale; intolleranza e paura della diversità. A partire dagli stimoli che ci forniranno alcuni studiosi/e di queste tematiche, i laboratori del pensiero saranno un’occasione per confrontarsi insieme e costruire delle connessioni tra pratiche quotidiane e teorie educative.”

Non c’è bisogno di commentare ciò che già da sé si commenta, ma si può mettere bene a fuoco la chiave di volta che occorre per stravolgere tutto: “un lessico comune su educazione e differenze”.

Proprio con la rivoluzione del linguaggio, agglomerando una nebulosa di neologismi mai sentiti prima, sformando le parole del loro contenuto essenziale e principale – a volte persino mutandolo – così si ottiene il modello educativo che inizia alle differenze, introducendo senza colpo ferire il gender nella scuola.

In apertura ed in chiusura del “festival educativo” si terranno come di consueto gli incontri plenari “che – dicono gli organizzatori – ci auguriamo portino quest’anno alla formale realizzazione di una rete di di associazioni su scala nazionale che possa diventare un’interlocutrice delle istituzioni per la promozione dell’educazione alle differenze.”

Il punto è proprio questo, non ci si spiega come eventi di questo tipo che si dicono essere “auto-finanziati dai contributi di tutte le associazioni co-promotrici”, abbiano un così enorme e grave peso su scala nazionale. Se si fa una breve ricerca si riscontrerà infatti che una gran parte delle associazioni che lottano sul campo LGBT hanno influenza su MIUR e UNAR, dettano gli schemi a livello ministeriale.
Coloro che potremmo definire dei perfetti sconosciuti o comunque delle normali e piccole associazioni come in tanti casi, sono invece quelli e quelle che, assieme ai voleri e ai poteri nazionali ( e sovranazionali ) tessono silenziosamente e rapidamente la tela del ragno, mascherati da filo-buonisti che hanno a cuore la “pace”, l'”amore”, l’ “uguaglianza” e tutte le altre sciocchezze che si inventano per indossare meglio il vestito da agnellino sopra la loro vera natura di lupi feroci.

Per quanto ci è possibile allora, oltre a pensare valide alternative per non lasciare i nostri figli in mano a questo soggetti, è necessario continuare a rendere il subdolo lavoro di costoro più che mai difficile.
Non lasciandosi prendere dall’inerzia, e nemmeno dalla noia di ripetere sempre le stesse cose, perché questo è ciò che vogliono: l’assuefazione e l’anestetico stordimento collettivo. Continuiamo a gridare la Verità, anche a costo di rimanere gli unici a farlo!

“Tanto abbiamo fatto, ma tanto c’è ancora da fare!” Concludono gli organizzatori di questo nefando evento. Ebbene, non lasciamo che siano i soli a dirlo.