Benedetta una coppia lesbica in chiesa

Chiesa

  Dapprima una Rivoluzione scoppia, poi viene in qualche modo repressa, infine si stabilizza con una sorta di "onda lunga".

A Palermo benedetta in Chiesa una coppia lesbica: si tratta di un frutto della Rivoluzione Pastorale odierna, forse il primo di una lunga serie.
Una parte della diga cede, si tenta di ripararla, ma le crepe rimaste la faranno crollare col tempo.

Solo cinque anni fa, la Curia di Palermo aveva proibito agli omosessuali di pregare in Chiesa: http://it.paperblog.com/sei-gay-e-cattolico-in-chiesa-non-puoi-pregare-la-curia-di-palermo-vieta-una-veglia-per-le-372629/
Oggi tutto tace.

Serve l'impegno di tutti a favore della famiglia e della vita per fermare la Rivoluzione pastorale in corso.
Serve il lavoro incessante dei laici per ridare il primato alla dottrina sulla prassi attraverso la diffusione del Catechismo di San Giovanni Paolo II.

 

 

Palermo: prete benedice coppia lesbica in chiesa prima dell’unione civile

 

I palermitani lo conoscono bene, padre Cosimo Scordato, da decenni impegnato nelle periferie soprattutto con i bambini. È quello che si definisce un “prete di strada”, più simile a Don Gallo che a Bagnasco, per intenderci. Per questo non stupisce che, nel periodo in cui si celebrano le prime unioni civili, abbia voluto dare un segno chiaro su come si comporterà lui rispetto alle coppie omosessuali che gli si rivolgeranno.

Domenica scorsa, infatti, davanti alla sua comunità riunita per la messa nella chiesa di San Saverio, ha “benedetto” (non in senso tecnico) Elisabetta Cina e Serenella Fiasconaro che domani, 7 settembre, si apprestano a celebrare la loro unione civile in Comune. Pur non essendo assidue frequentatrici della parrocchia, le due donne hanno chiesto a padre Scordato di benedire le loro fedi. “La Chiesa non ammette questo sacramento per le coppie omosessuali ma le ho invitate comunque a venire a messa per presentarle alla Comunità, perché la Chiesa deve accogliere tutti” ha spiegato il prete secondo quanto riporta Repubblica .

Per questo le ha chiamate vicino a sé all’altare spiegando ai fedeli che la scelta delle due donne è una scelta che guarda al futuro ed ha chiesto a tutti di “accoglierle nella comunità e di pregare per la loro vita insieme”. Alla fine, il sacerdote ha detto che lo stesso farà con tutte le coppie gay e lesbiche che si rivolgeranno a lui perché, dice “le cose si cambiano a poco a poco, un passo per volta” ed ha concluso auspicando che “un giorno la chiesa accetti di benedire anche questo le relazioni omosessuali”. La folla in attesa della messa ha applaudito a lungo le due donne e il discorso del sacerdote non senza scattare decine di fotografie che hanno rapidamente fatto il giro dei social network.

(foto: Repubblica Palermo, fonte: gay.it)