(AsiaNews) I monaci buddisti della Birmania resistono

Senza categoria

26/10/2007 MYANMAR

Autorità buddiste: rifiutate le offerte dei militari

Per
la fine del digiuno buddista, la giunta ha assoldato finti monaci che
accolgano i loro doni. I responsabili dei monasteri hanno invece
chiesto a tutti i bonzi di non accettare alcuna offerta dalle autorità,
pena la “scomunica”. Il ministro per la Religione chiede ai monaci di
“comprendere” le ragioni della repressione.

Yangon (AsiaNews) – Continua la
lotta silenziosa dei monaci buddisti contro la dittatura in Myanmar.
Dopo la violenta repressione delle manifestazioni di piazza di
settembre guidate dai bonzi, sembra quasi che il movimento pacifico
contro il regime sia stato messo a tacere. Non è così. Il rifiuto dei
monaci di accettare dai militari le tradizionali offerte, prima
iniziativa di dissenso verso la politica della giunta, è sempre
continuata anche durante queste settimane. E proprio “oggi risalterà in
tutta la sua forza”. Ne sono convinti alcuni abitanti e attivisti di
Mandalay contattati da AsiaNews.
Oggi in Myanmar si celebra l’annuale giornata dell’“offerta del
riso” (Tha Din Gjut), giorno che segna la fine del mese di digiuno
buddista. Per l’occasione i fedeli sono soliti donare ai religiosi
nuove vesti rosse, ombrelli, cibo e altri oggetti di uso quotidiano.
Ogni offerta porta il nome del donatore e vengono raccolte in pubblico.
Ma quest’anno nessuno accetterà le donazioni che arrivano dai militari,
riferiscono le fonti d AsiaNews. Un avviso di alcuni giorni
fa diffuso dai responsabili di diversi monasteri nel Paese ha infatti
avvertito che “chiunque accetterà offerte dai militari sarà
disconosciuto”, una sorta di scomunica buddista. Molti bonzi hanno già
rifiutato di recarsi alle funzioni di Stato.
I militari, preoccupati che si possano così riaccendere gli animi,
hanno tentato di strumentalizzare l’evento ai fini della loro
propaganda interna. Almeno da due giorni, in vista delle festività,
stanno reclutando monaci che partecipino alle cerimonie organizzate
dallo Stato e che accettino pubblicamente le offerte elargite dai
soldati. Lo scorso 14 ottobre a Mandalay – raccontano alcuni abitanti –
si è svolta una cerimonia ufficiale di offerta a cui erano presenti
oltre 400 monaci; il fatto ha avuto molto spazio sui media locali. Ma
la popolazione è convita che i militari abbiano costretto i religiosi a
partecipare oppure abbiano addirittura assoldato una sorta di comparse.
“Ci vuole poco – dicono – a far sembrare un semplice cittadino un
monaco: basta rasarlo e fargli indossare un abito rosso”.
Il fine è quello di far credere alla nazione che i bonzi sono
dalla parte del governo e che quelli scesi in piazza erano solo poche
teste calde. Lo confermano le parole del ministro birmano per la
Religione, Thura Myint Maunt, che ieri ha tenuto un raro discorso
davanti ad alcuni bonzi. Il quotidiano governativo The New Light of Myanmar,
riporta che il ministro ha chiesto ai religiosi buddisti di
“comprendere” le ragioni che hanno spinto alla violenta repressione del
mese scorso. Myint Maunt ha spiegato che le autorità hanno dovuto agire
contro “monaci falsi, che hanno incitato la folla” spinti dal
“presidente americano George W. Bush”. Egli ha poi chiesto scusa se
negli arresti sono stati presi anche alcuni monaci innocenti.
Secondo dati ufficiali, la violenza usata per sedare le proteste
pacifiche di fine settembre contro il regime ha causato 10 morti e
3mila persone arrestate, di cui la maggior parte già rimesse in
libertà. Fonti diplomatiche e di gruppi per i diritti umani parlano,
invece, di centinaia di vittime e oltre 6mila arresti e dell’esistenza
di un almeno un forno crematorio fuori Yangon in cui le autorità
gettavano manifestanti morti o solo feriti per occultare il numero
reale delle vittime della repressione.