Alcuni vescovi in confusione

Chiesa

 Qui a lato: pauroso scivolone del quotidiano della Cei.  Già in passato il Segretario aveva rlasciato dichiarazioni sconcertanti in tema di lotta all'aborto e di omosessualismo.  Il cattivo esempio di Mons. Galantino immediatamente seguito dal vescovo di Lucca. Un commento di Corrispondenza Romana.

 

 Vescovo di Lucca filo sodomiti: “Necessario un trapasso culturale”

La chiesa di Lucca apre ai gay. Castellani: “Necessario un trapasso culturale”. Il vaticanista Luise: “Omosessualità, un’attitudine umana”

 

“Gay. Ecco, lo confesso: quando utilizzo questa parola sembra che ci sia già un giudizio intrinseco. A usarla ho difficoltà. E’ quindi necessario un trapasso culturale, perché la differenza è ricchezza”.Sono le parole del vescovo di Lucca Italo Castellani. Di fronte ai giornalisti è lui a fare ‘outing’ invocando la necessità di un cambiamento culturale che pare lo coinvolga direttamente. “Sì, utilizzare il termine ‘gay’ ancora mi dà fastidio. Significa che ci vorrà tempo. Ma il cambiamento culturale è necessario”, racconta pubblicamente.

Un’apertura necessaria e di buon senso che ci auguriamo sia lontana dall’approccio ipocrita e demagogico fin troppo diffuso nell’ambiente ecclesiale. Un’apertura ribadita e sottolineata anche dal vaticanista Rai Raffaele Luise, ospite della diocesi insieme ai giornalisti del territorio.

“Sui gay la chiesa è chiamata a una rivoluzione culturale”, ha detto. Dopo le parole espresse da Papa Francesco nel viaggio di ritorno dall’America Latina (“Chi sono io per giudicare un gay che cerca Dio?”) e dopo la sua elezioni a personaggio dell’anno da parte della rivista gay “The Advocate”, Luise tiene a ribadire che “il Papa ha impostato bene la questione, ma è solo. Nessuno lo aiuta. E la rivoluzione chiama la rivoluzione. Ci sono 486 specie animali che contemplano l’omosessualità. Quindi questa non è una caratteristica puramente umana. Non è una devianza, ma fa parte della natura. L’omossessualità è un’attitudine umana. Quindi ci troviamo di fronte a una grande sfida, fuori e dentro la chiesa”.

Secondo quanto riportato da Luise, il dieci per cento della popolazione è omosessuale. Quindi il rapporto di lesbiche e gay è pari nella società civile come nella chiesa. Ma per favore, non parlate di lobby. “In Vaticano non mi risulta ci siano lobby. Sì, esistono massoni che si relazionano ai poteri forte e che si occupano dei rapporti e delle relazioni economiche”,dice Luise. “Sì, ci sono tanti gay attivi e passivi, anche in alto. Ma non ho elementi per dire che esista una lobby massonica e una lobby gay”.E tanto basta.

Il nostro vescovo invoca invece un grande “cambiamento” e un“trapasso” culturale. Affronta la questione della “diversità come una ricchezza”. Del resto “se tutti i fiori fossero ugauali, i prati perderebbero la loro bellezza”, dice Castellani. Che poi racconta episodi che lo hanno coinvolto personalmente. Esperienze di vita vissuta, storie di cittadini e cittadine che hanno a che fare con l’omosessualità. Perché hanno un figlio o una figlia omosessuale. Perché a scuola hanno un alunno gay. “Quel che conta è soprattutto la dignità della persona”, fa ggiunge Castellani.“E mi domando perché i giovani considerino la chiesa come ‘omofobica’…”. 

Be’, forse è perché ad oggi gli omosessuali non possano vivere pienamente la propria fede. Forse perché chi è omosessuale e desidera attenersi alle indicazioni della chiesa trova evidenti contraddizioni. Proprio come accade per le coppie di fatto. Forse perché da anni la chiesa può fare qualcosa e invece non lo fa. Quest’apertura suona come un buon auspicio. Perché prima di essere un problema di fede, questo è un problema strettamente legato ai diritti.

http://www.loschermo.it/articoli/view/61800

_____

Le incomprensibili affermazioni di mons. Galantino, segretario generale della CEI

Vescovo-GalantinoHanno suscitato sconcerto e disappunto le parole di monsignor Galantino, segretario generale della Cei, il quale in un’intervista rilasciata al giornale online QN ha detto la sua su alcune importanti questione etiche e morali ed in particolare sull’aborto.

Alla domanda dell’intervistatore sui principi non negoziabili monsignor Galantino ha così risposto:Pensiamo alla sacralità della vita. In passato ci siamo concentrati esclusivamente sul no all’aborto e all’eutanasia. Non può essere così, in mezzo c’è l’esistenza che si sviluppa. Io non mi identifico con i visi inespressivi di chi recita il rosario fuori dalle cliniche, che praticano l’interruzione della gravidanza, ma con quei giovani che sono contrari a questa pratica e lottano per la qualità delle persone, per il loro diritto alla salute, al lavoro”.

Ci permettiamo di fare alcune considerazioni in merito: innanzitutto, non si capisce quando ed in quali occasioni la Chiesa ed in particolare la Cei abbia trascurato le necessità materiali e spirituali delle persone occupandosi esclusivamente di aborto ed eutanasia, come lascia intendere monsignor Galantino. Ai più  pare semmai il contrario vista la non eccezionale determinazione con cui i vescovi italiani hanno combattuto la buona battaglia in questi ultimi decenni.

Lo stesso Papa Francesco ha inteso prendere le distanze da una certa mentalità dominante arrivando ad affermare in un discorso di pochi mesi fa come non sia coerente chi parla volentieri della fame nel mondo ma non si oppone all’orrore dell’aborto. Inoltre, monsignor Galantino pare dimentico del fatto che è proprio prendendosi particolare cura dei più deboli ed indifesi, minacciati da leggi omicide come la 194/1978, che la Chiesa afferma la dignità intrinseca  dell’essere umano fatto a immagine e somiglianza del Creatore.

Particolarmente sgradevole poi la rappresentazione caricaturale che il segretario generale della Cei fa dei tanti pro life che con dedizione e spirito di sacrificio lottano contro l’assassinio legalizzato dell’innocente e per la vita recitando il rosario fuori dalle cliniche ove si praticano gli aborti. Tale forma di lotta è particolarmente efficace non solamente perché, come dovrebbe ben sapere monsignor Galantino, ha come fine la riparazione dei crimini connessi con l’aborto ma anche perché non di rado salva la vita a molte creature innocenti altrimenti destinate a morte certa.

Ci auguriamo che le sconcertanti parole riportate nell’intervista pubblicata su QN vengano pubblicamente smentite dal segretario generale della Cei, il quale difficilmente può ignorare che identificarsi con quei giovani che lottano per la qualità delle persone, per il loro diritto alla salute, al lavoro vuol dire approvare ed incoraggiare coloro che si battono, in qualunque modo, affinché ad ogni persona venga riconosciuto il principale diritto, senza cui tutti gli altri non hanno ragion d’essere, ossia quello alla vita. Altrimenti se ne dovrebbe dedurre che monsignor Galantino non sia interessato a difendere né gli uni né gli altri.

(A.D.M  in: http://www.corrispondenzaromana.it/notizie-brevi/le-incomprensibili-affermazioni-di-mons-galantino-segretario-generaledella-cei/)