Di fronte alla crisi nella Chiesa

Lascia un commentoChiesa,Papa

Di fronte alla situazione confusa creatasi nella chiesa in questi ultimi anni, che cosa avrebbe detto il prof. Plinio Corrêa de Oliveira?
Ecco la domanda che, in numero sempre crescente, si stanno facendo tanti discepoli e simpatizzanti del noto leader cattolico brasiliano, in Italia e all’estero.
Essendo egli scomparso nel 1995, è ovviamente impossibile rispondere con certezza apodittica. Possiamo, tuttavia, tracciare un parallelo con un’altra situazione storica.

Siamo nel 1970. Le riforme liturgiche volute da papa Paolo VI (il Novus Ordo Missae), avevano suscitato forti reazioni. I fedeli si sentivano smarriti e scoraggiati. Due autorevoli cardinali – Ottaviani e Baci – avevano scritto una supplica al Pontefice, presentando un «Breve Esame Critico del “Novus Ordo Missae”». Era la punta dell’iceberg di una richiesta di chiarezza che andrà crescendo nei decenni successivi.
Sul fronte politico, il Vaticano era impegnato nella cosiddetta Ostpolitik, ovvero la politica di dialogo e di concessioni al comunismo sovietico. La sua figura di punta era mons. Agostino Casaroli. Anni più tardi, il cardinale slovacco Ján Chryzostom Korec la sintetizzerà in una frase lapidaria: “L’Ostpolitik tradì la parte sana della Chiesa, la nostra grande speranza. L’Ostpolitik le tagliò le vene, lasciando migliaia di giovani profondamente sdegnati”.
Ci fu a Roma una marcia pubblica per chiedere luce sulle riforme nella Chiesa, alla quale parteciparono quasi duemila persone. Radunati davanti a piazza S. Pietro, i manifestanti chiesero l’attenzione del Pontefice, che non ottennero. Pochi giorni prima egli aveva ricevuto nella Cappella Sistina il patriarca scismatico Vasken.

Interpellato in merito, il prof. Plinio Corrêa de Oliveira scrisse, sotto forma di un fittizio scambio epistolare, l’articolo che riproduciamo qui di seguito e che, crediamo, possa riflettere in maniera assai fedele l’atteggiamento che egli avrebbe avuto ai giorni nostri di fronte all’attuale situazione.  (altro…)

Messori: Come la mettiamo con l’Andalusia?

Lascia un commentoPersecuzione dei cristiani

L’ISLAM SOGNA DI CONQUISTARE L’EUROPA, A COMINCIARE DALLA SPAGNA (IN ARABO: ANDALUSIA)

Il Corano divide il mondo in due parti: quello della pace (musulmano), e quello della guerra (non musulmano)

di Vittorio Messori

Dopo la strage sulla Rambla barcellonese ci si è chiesti perché la Spagna sia un obiettivo privilegiato per il terrorismo islamico. Ebbene, rifacendosi alla storia, due sarebbero le ragioni.

La prima è che gli spagnoli sono gli ultimi europei ad avere ancora due possedimenti – seppur ciascuno di pochi chilometri quadrati – sul territorio africano, per giunta islamico: sono le città di Ceuta e Melilla sulle coste del Marocco.
Le città – entrambe sugli 80mila abitanti – sono di proprietà spagnola da secoli (furono basi per combattere, guarda caso, la pirateria saracena) e la loro popolazione è composta quasi interamente da spagnoli.

Ma, come si sa, i fedeli del Corano dividono il mondo in due parti: quello della pace, musulmano, e quello della guerra. Che è poi tutto il pianeta non ancora passato sotto la sudditanza della mezzaluna.
È intollerabile, per loro, l’esistenza di quei due “tumori degli infedeli” all’interno di un Paese che è “loro”. Da qui la lunga, violenta polemica del Marocco, cui si oppone il rifiuto di cessione della Spagna, ricordando che popolazione, abitudini, lingua, religione di Ceuta e di Melilla sono da secoli spagnoli. (altro…)

Mons. Negri: la fede torni a investire la società

1 CommentoChiesa

Ll’intervista bomba di monsignor Luigi Negri a Libero:
“La Chiesa si è piegata all’islam e alla sinistra”

9 gennaio 2018. Monsignor Luigi Negri, arcivescovo di Ferrara e Comacchio, da pochi mesi Emerito, per tanti anni docente di Filosofia presso l’ Università Cattolica, si è fatto la fama di prelato del dissenso. Motivo, le sue esternazioni sugli immigrati, la comunione ai divorziati e la deriva laicista della Chiesa. Ma lui non ci sta a farsi affibbiare questa etichetta.
«Tutte le mie parole» spiega «nascono dal fatto che sono ben consapevole della gravità della situazione in cui versa il cattolicesimo odierno e ritengo che per uscire da questa situazione occorra una consapevolezza precisa di ciò che non va; per questo mi premuro di evidenziarlo».

Siamo a inizio anno e sono appena passate le feste cristiane: che augurio si sente di fare ai fedeli e ai non fedeli per il 2018?
«Mi auguro che la fede torni a investire la società e restituisca agli uomini di oggi il senso profondo dell’ esistenza».

(altro…)

Messori: morire “bene”

Lascia un commentoFede e ragione

«Ormai, anche per tanti credenti divenuti incerti sulla verità dell’Aldilà cristiano, potrà sembrare strano quanto sto per dire: ma il progetto che domina su tutti è di chiudere “bene” la mia avventura terrena. Insomma, per dirla chiara: vorrei innanzitutto morire “bene”, nel senso evangelico».

Sapete di chi sono queste parole così inusuali?
Non di un cardinale, non di un vescovo, di un parroco, di un religioso o di un teologo.
Sono in realtà di un laico cattolico, ma non di uno qualunque: Vittorio Messori. (altro…)

Arriva il 2018: Litanie per l’Italia triste

Lascia un commentoTotus tuus

2017, 29 dicembre, festa di San Tommaso Becket e San David Re,
patroni di chi fa politica, cioè di tutti i laici, non solo dei partiti:
si chiude la legislatura Renzi-Alfano-Gentiloni
che verso la famiglia e la vita è stata satanica.

Nel nome del Padre + del Figlio + e dello Spirito Santo +

O Iddio Signore del cielo e della terra che forgiasti l’Uomo a tua immagine e somiglianza, non disdegnare l’implorazione e la supplica che Ti rivolgiamo nell’attesa del prosciugamento delle acque che hanno insozzato l’Italia, e dalla ripresa dopo i terribili terremoti che sempre la scuotono devastandola;

O Iddio che permettesti al nostro Paese di accendere la fiaccola della civiltà in tempi remoti,
* abbi pietà dell’Italia.

O Iddio che donasti a questo lembo di terra l’appellativo di giardino d’Europa,
* abbi pietà dell’Italia.

O Iddio che questo lembo di terra immergesti nel mare, fonte di progresso, commercio, prosperità,
* abbi pietà dell’Italia.

O Iddio che ci concedesti campagne fertili, cieli tersi, aure balsamiche,
* abbi pietà dell’Italia.

O Iddio che inviasti a questo lembo di terra Uomini dalla vita mirabile in obbedienza alla Tua santa Legge, i cui Nomi si osannano o si confondono nella loro fattiva operosità benefica,
* abbi pietà dell’Italia. (altro…)

Natale: esame di coscienza, preghiera, ringraziamento

Lascia un commentoTotus tuus
Esame di coscienza e preghiera
Ai piedi del presepio, ognuno può voltarsi indietro per analizzare la propria storia individuale: come la grazia di Dio fece strada nella propria anima; gli alti e bassi, le corrispondenze e i rifiuti alla grazia; i movimenti di orgoglio e di sensualità; la vittoria, qualche volta la sconfitta, ma di nuovo la vittoria e la misericordia di Dio.
Infatti, la Madonna sapeva che certuni sarebbero caduti lungo il cammino; che avrebbe atteso, nelle intenzioni dei caduti, le preghiere di coloro che rimasero fedeli;  e che, di tanto in tanto, sarebbe riuscita a risollevare qualche figlio affinché riprendesse il buon cammino.
Tutto ciò sarebbe accaduto attraverso oscurità che non conosciamo, sino al momento del suo intervento finale e l’instaurazione del Regno di Maria, da Lei rivelato a Fatima nel 1917.
Dovremo prendere tutto questo in considerazione quando saremo ai piedi del presepio, e dire: Gesù Bambino, siete il sasso d’inciampo, la pietra di scandalo che divide la Storia in due metà. Tutto ciò che sta dalla Vostra parte è Contro-Rivoluzione e tutto ciò che è contro di Voi è Rivoluzione. (1)
Mentre veneriamo il presepe, possiamo elevare una preghiera: Signore Gesù Cristo, ecco un figlio portato dalla grazia che Vostra Madre celeste, mediante le sue preghiere, ottenne da Voi. Ecco un figlio inginocchiato davanti a Voi, innanzitutto per ringraziarVi, ma già pronto a combattere per Voi nella Contro Rivoluzione, fiducioso nella Vostra grazia.

(altro…)

Il presepe LGBT di piazza San Pietro

Lascia un commentoChiesa,Teorie di genere - omosessualismo

La lobby LGBT sembra allungare ogni giorno di più i suoi potenti tentacoli sul Vaticano. Dopo la recente notizia dell’affidamento della realizzazione del nuovo portale internet vaticano ad una società nota per le sue posizioni pro “agenda LGBT”, un articolo di Diane Montagna, pubblicato il 21 dicembre su Lifesitenews, rivela infatti come il discusso presepe di quest’anno di piazza San Pietro sia il dono di un’abbazia altrettanto nota per essere il luogo di “devozione” della comunità gay e transgender italiana.

Il presepe inaugurato lo scorso 7 dicembre 2017, realizzato dalla Bottega d’Arte presepiale Costabile e Cantone di Napoli, che ha come tema le sette opere della Misericordia, è stato, per l’appunto, donato dall’Abbazia di Montevergine, un santuario in provincia di Avellino, caro ai devoti omosessuali e transgender, in quanto al suo interno è venerata la cosiddetta “Madonna gay friendly”, un’icona nera conosciuta come anche come “Mamma Schiavona” per via delle sue fattezze orientali (l’Osservatorio Gender ne aveva già parlato qui). (altro…)

Vivere l’Avvento

Lascia un commentoDevozione

Ogni anno diventa sempre più frequente, nel mondo occidentale, un uso avviato nel XX secolo in Germania: il cosiddetto “Calendario dell’Avvento”. Il primo venne ideato dal tedesco Gerhard Lang, editore luterano originario di Maulbronn (Germania), nel 1908.

A quel tempo fra i tedeschi c’era già l’usanza di aspettare il Natale facendo 24 piccoli pacchettini da scartare, uno al giorno, dal 1° al 25 dicembre. Lang, però, fece qualcosa in più: preparò un calendario per il mondo dell’infanzia con un disegno per ogni giorno, l’anno dopo introdusse il dettaglio delle finestrelle, dal cui interno spuntavano Angeli o piccoli Gesù Bambino da ritagliare; successivamente arrivarono dolci e cioccolatini.

Negli anni dei regimi totalitari i calendari dell’avvento vennero adottati dal nazismo: dietro ogni finestra si poteva trovare un simbolo della «grande Germania»; mentre la Repubblica democratica tedesca, durante la Guerra fredda, al posto di Angeli e Gesù Bambino spuntavano dalle finestrelle le sonde sovietiche, come lo Sputnik, oppure i cosmonauti, come Jurij Gagarin, colui che, tornando dal primo viaggio nello spazio, disse: «Non c’è nessun dio quassù», frase che ha dato il titolo alla sua autobiografia.

Intanto i calendari dell’avvento, nel corso dei lustri, hanno mutato i loro soggetti. La ditta Hopt.it, per esempio, per quest’anno pubblicizza il suo calendario, composto da birre artigianali, con questa frase: «Lutero diceva che chi beve birra, si addormenta più velocemente; chi dorme più a lungo, non pecca; chi non pecca, entra in Paradiso! Quindi???? Ma sì, beviamo birra!». (altro…)

Nuovo e-Book gratis: Il Cardinale J. Slipyj

Lascia un commentoAggiornamenti,Persecuzione dei cristiani

Il nuovo eBook

Il Cardinale Josyf Slipyj
padre e confessore della Chiesa Ucraina martire

è scaricabile gratuitamente da:
www.totustuus.es

___

«La parola di Cristo sintetizza, si può dire, la lunga e travagliata esistenza dell’amato Arcivescovo Maggiore.
Sappiamo infatti quanto egli fu affaticato e oppresso: ma sappiamo anche che non gli venne mai meno il conforto di Cristo.
Durante la sua prolungata vicissitudine di condannato e poi di esiliato, sempre gli fu di conforto e di stimolo l’affermazione del Divin Maestro: Venite a me, voi tutti che siete affaticati ed oppressi!.
Il Cardinale Slipyj in Cristo ha trovato sempre e unicamente il ristoro per poter essere uomo di fede invitta, pastore di fermo coraggio, testimone di fedeltà eroica, eminente personalità della Chiesa»
(San Giovanni Paolo II, 17/10/1984).

_____

Santo Natale a tutti!

_____

 

Per residenti in Emilia Romagna
Petizione da firmare “Sanità ER: aborto e gender”
La trovate qui:
http://www.fattisentire.org/petizione-sanita/

 

(altro…)

Nuovo eBook gratis: Sessualità e gender

Lascia un commentoAggiornamenti,Teorie di genere - omosessualismo

Nuovo e-Book gratis: 

Sessualità e genere

scaricabile gratuitamente da:  www.totustuus.es

Le questioni relative alla sessualità e al genere toccano alcuni degli aspetti più intimi e personali della vita umana.
Negli ultimi anni hanno anche vessato la politica mondiale.
Offriamo questo report – scritto dal dr. Lawrence S.Mayer, epidemiologo con formazione in psichiatria, e dal dr. Paul R. McHugh, che può essere definito il più importante psichiatra americano dell’ultimo mezzo secolo – nella speranza di migliorare la comprensione pubblica di tali questioni.

Analizzando le ricerche nel campo delle scienze biologiche, psicologiche e sociali, questo report mostra che alcune delle affermazioni riguardo alla sessualità e al genere che si sentono con maggiore frequenza non sono sostenute da evidenze scientifiche.

Il report si concentra in modo particolare sui maggiori tassi di problemi di salute mentale tra le popolazioni LGBT, e mette in discussione la base scientifica delle tendenze nel campo dei trattamenti per i bambini che non si identificano con il loro sesso biologico.
Si auspica un maggiore impegno per offrire a queste persone la comprensione, la cura e il sostegno di cui hanno bisogno per condurre vite sane e prospere.

Buona festa dell’Immacolata e Santo Natale! (altro…)