Cerchi qualcosa che non trovi? Prova il motore di ricerca nella colonna di sinistra!
Se ti serve aiuto o supporto tecnico: Forum di approfondimento
Siamo sbarcati anche su FaceBook: Totus tuus
Ricorda di iscriverti al sito: è l'unico modo per ricevere la newsletter settimanale.
Avviso: in fondo a questa pagina ritrovi tutti gli altri siti di questo network

Ultime News

  • Commenti: il Foglio - Il mondo di oggi ricorda il film ''La notte dei morti viventi''

    Resa amara di un cattolico di minoranza al demente Zeitgeist, con whisky

    di Antonio Gurrado | 28 Novembre 2014 ore 06:24 (fonte: il Foglio)

    Ho letto e riletto più volte l’editoriale di Giuliano Ferrara sul Foglio di lunedì scorso, trovandolo amaro ben oltre l’intenzione di stigmatizzare il diritto ad abortire rivendicato in copertina da Internazionale, settimanale di gran tendenza aduso a darsi ragione da sé. L’aborto è solo l’aspetto più cruento di una posta in gioco più alta che coinvolge tutto quello che abbiamo – noi che in senso lato possiamo dichiararci militanti di una minoranza conservatrice – detto e fatto in questi ultimi dieci anni. Gli eventi ci hanno scalzato al punto che adesso il mantenimento di una posizione benché coerente non allineata al pensiero unico abortista, femminista, omosessualista, giustizialista, animalista, terzomondista, pacifista, accoglientista e sincretista ci interdice non solo il patentino di credibilità in un contesto intellettuale che ha smesso di ragionare da tempo perché troppo occupato ad autoalimentarsi creando sempre nuove mozioni d’impegno à la page alle quali tutti devono accostumarsi, foss’anche a costo di abdicare alla realtà dei fatti; ma ci pregiudica altresì il normale espletamento delle funzioni sociali, umane. Oramai sostenere idee minoritarie benché assennate implica quest’alternativa: o venire presi per provocatori prima e scemi poi, se non istigatori al crimine, dagli abituali consessi all’interno dei quali si vede progressivamente svanire la concreta speranza di essere ascoltati e compresi, se non amati; oppure rinchiuderci in club diametralmente opposti e stagni, e da cattolico italiano so bene quanto i cattolici italiani riescano a essere noiosi e ottusi e ripetitivi oltre che codini quando non ipocriti e tiepidi.

    Leggi Tutto » | Argomento: Vita | Categoria: Commenti
  • Dal Web: Tempi.it - La triste fine di una delle ultime aziende italiane

    Barilla, la rieducazione nordcoreana è completa. Un premio Lgbt per essersi «sottoposta a evoluzione pro diritti gay»

    Tempi.it novembre 20, 2014 Redazione

    L’azienda ha ottenuto 100 punti su 100 nella classifica delle imprese “friendly” stilata da Human Rights Campaign. Washington Post: «Da paria a testimonial del diritti gay»

    Come spiega in questo articolo Sandhya Somashekhar, la «social change reporter» del Washington Post, la rieducazione di Barilla adesso può considerarsi conclusa. L’azienda, osserva la giornalista, «è passata da paria a testimonial dei diritti gay», e infatti ieri ha ricevuto «un punteggio perfetto», 100 punti su 100, nel Corporate Equality Index, la classifica delle imprese gay friendly stilata dalla Human Rights Campaign, una delle più importanti organizzazioni Lgbt. Si tratta, scrive la Somashekhar, di «una giravolta che mette in luce come le aziende, che in genere evitano le controversie, sono sempre più costrette a prendere posizione nella battaglia culturale sui diritti gay e sul matrimonio tra persone dello stesso sesso – e come le forze pro-gay siano decisamente in vantaggio».

    Leggi Tutto » | Argomento: Matrimonio e Famiglia | Categoria: Dal Web
  • Dal Web: Fides - Avanza il califfato in Nigeria e ne fan le spese i cristiani

    Fides.org - 2014-11-19
    AFRICA/NIGERIA - Oltre 100.000 cattolici dispersi a causa di Boko Haram, “ma noi rimaniamo per testimoniare con la nostra presenza” dice un sacerdote di Maiduguri

    Abuja (Agenzia Fides) - Sono oltre 100.000 i cattolici costretti alla fuga dalle aree controllate da Boko Haram nella Nigeria del nord. Lo riferisce all’Agenzia Fides p. Gideon Obasogie, responsabile delle Comunicazioni Sociali della diocesi di Maiduguri (capitale dello Stato di Borno) Migliaia di sfollati si sono rifugiati nelle grotte delle montagne, riferisce il sacerdote a Fides, solo pochi sono riusciti a scappare a Maiduguri e a Yola. 

     

    Leggi Tutto » | Argomento: Attualità | Categoria: Dal Web
  • Presentazioni: il Foglio - B XVI ribadisce l'impossibilità della comunione ai risposati

    Il Foglio

    Perché (e quando) B-XVI ha cambiato idea sull’ostia ai divorziati risposati

    di Matteo Matzuzzi | 20 Novembre 2014 ore 06:30

    Roma. Che il professore cattedratico a Ratisbona Joseph Ratzinger, quaranta e più anni fa, la pensasse come Walter Kasper sulla misericordia da usare nei confronti dei divorziati risposati, non è una novità. Il saggio in cui il futuro Pontefice scriveva che “nel caso in cui il secondo matrimonio avvenga dopo diverso tempo e sia vissuto nello spirito della fede, e siano rispettati obblighi morali nei confronti dei bambini e della nuova moglie”, è noto da decenni, presente sugli scaffali delle biblioteche nella sezione teologica e brandito come fosse il libretto rosso maoista dai principali gruppi progressisti d’Europa, primo fra tutti Noi siamo chiesa.

  • Stampa: CC - Contro la dittatura gender difendiamo i nostri figli!

    Chi pecora si fa lupo lo mangia (bis)

    culturacattolica.it - domenica 16 novembre 2014

    di Gianfranco Amato

    A proposito della contestazione omosessualista della richiesta dei responsabili dell'IRC della Diocesi di Milano, prontamente onorata dalle scuse dell'incaricato diocesano, ecco il Comunicato Stampa dei Giuristi per la Vita

    Sua Santità Papa Francesco nel discorso alla Delegazione dell’Ufficio Internazionale Cattolico dell’Infanzia, tenuto l’11 aprile 2014, ha espresso questo giudizio durissimo: «Occorre sostenere il diritto dei genitori all’educazione dei propri figli e rifiutare ogni tipo di sperimentazione educativa sui bambini e giovani, usati come cavie da laboratorio, in scuole che somigliano sempre di più a campi di rieducazione e che ricordano gli orrori della manipolazione educativa già vissuta nelle grandi dittature genocide del secolo XX, oggi sostitute dalla dittatura del “pensiero unico”».
    Se è vero che anche oggi quella che il Pontefice definisce la “dittatura del pensiero unico” tenta di impedire che si sappia cosa accade negli attuali “campi di rieducazione” (come avveniva con i lager, i gulag e i laogai), è altrettanto vero che una Chiesa fedele al mandato ricevuto da Cristo e attenta all’esortazione del Suo Vicario, non può farsi intimidire.
    I genitori hanno diritto di sapere come lo Stato provvedere all’educazione dei propri figli, e la Chiesa non può nascondersi di fronte alla grave situazione denunciata dal Papa, ma anzi ha il dovere di compiere la propria missione portando la luce della Verità anche là dove il potere pretende di mantenere angoli bui e zone d’ombra.
    La Storia ha insegnato che cedere dinanzi al volto intollerante di ogni dittatura - come quella che stiamo vivendo, magistralmente chiamata dal Santo Padre “dittatura del pensiero unico” - non ha mai pagato e continua a non pagare. I recenti episodi di assalto al Duomo e ai locali della Curia milanese stanno lì a dimostrarlo.

    IL PRESIDENTE
    (Avv. Gianfranco Amato)

    Leggi Tutto » | Argomento: Matrimonio e Famiglia | Categoria: Stampa
  • Dal Web: RV - Lo stato punta al pervertimento dei nostri figli

    Radio Vaticana 13-11-14

    Forum Famiglie: sessualità non è "idea" di qualche Associazione

    Un Piano nazionale per la famiglia: è il progetto che il Forum delle Associazioni familiari presenta oggi alla Camera per affrontare il tema a 360 gradi: dalle questioni economiche all’educazione.
    Diffuso poi dal Forum un documento su “Persona, sessualità, affettività: per una nuova alleanza educativa tra famiglia e scuola”: vi si sottolinea, tra l’altro, come nell’anno scolastico 2013-2014, 29 associazioni LGBT siano potute entrare nelle scuole a parlare di “gender” grazie ai 10 milioni di euro stanziati allora dal Governo. La teoria del genere sta dunque entrando sempre di più nelle scuole? Debora Donnini lo ha chiesto al presidente del Forum, Francesco Belletti.

    Leggi Tutto » | Argomento: Matrimonio e Famiglia | Categoria: Dal Web
  • Dal Web: Tempi.it - Pensare il matrimonio come sempre è stato nella storia è vietato

    «Caso scioccante»: volontario della Croce rossa da 18 anni cacciato perché contrario al matrimonio gay
    Tempi.it novembre 8, 2014 Leone Grotti

    Bryan Barkley è un pensionato di 71 anni e la sua colpa è aver esposto (senza coinvolgere in alcun modo la charity) un cartello con scritto: “No al matrimonio gay”

    Leggi Tutto » | Argomento: Matrimonio e Famiglia | Categoria: Dal Web
  • Discorsi: Avvenire - Bagnasco denuncia il tentativo di sopprimere la famiglia

    Avvenire 11/11/14
    La Prolusione di Bagnasco
    Le associazioni: «Famiglie chiamate in causa»

    «Ancor più che in passato ci sentiamo chiamati in causa e sostenuti dalle parole del cardinal Bagnasco che, sull’onda del recente Sinodo straordinario, tanto ha dedicato della sua prolusione alla famiglia» ha commentato Francesco Belletti, presidente del Forum delle famiglie, riferendosi al discorso pronunciato dal presidente della Cei ad Assisi. «Ha detto: “è irresponsabile indebolire la famiglia, creando nuove figure – seppure con distinguo pretestuosi che hanno l’unico scopo di confondere la gente e di essere una specie di cavallo di troia di classica memoria – per scalzare culturalmente e socialmente il nucleo portante della persona e dell’umano”. Una realtà che riscontriamo quotidianamente nella nostra presenza nella politica e nella società. Così come quotidianamente ci troviamo a ricordare che “i figli non sono oggetti né da produrre né da pretendere o contendere, non sono a servizio dei desideri degli adulti: sono i soggetti più deboli e delicati, hanno diritto a un papà e a una mamma”. È di grande incoraggiamento sentire quelle parole ribadite con tanta autorevolezza».

    Leggi Tutto » | Argomento: Matrimonio e Famiglia | Categoria: Discorsi
  • Dalla_stampa: il Foglio - La vera emergenza umanitaria ignorata

    150 milioni di cristiani perseguitati nel mondo. I “nazareni” bruciati vivi

    Il gran rabbino di Francia: “Sono i nuovi ebrei”. Le ong denunciano: “Muoiono cinque cristiani al minuto”

    di Giulio Meotti | 06 Novembre 2014 ore 06:30

    Leggi Tutto » | Argomento: Attualità | Categoria: Dalla_stampa
  • Dal Web: ACS Italia - Dove la libertà religiosa è negata, il Rapporto del 2014

    Rapporto ACS 2014 sulla libertà religiosa nel mondo

    Il rispetto della libertà religiosa nel mondo continua a diminuire. È quanto emerge dalla XII edizione del Rapporto sulla Libertà Religiosa nel Mondo della Fondazione pontificia Aiuto alla Chiesa che Soffre. Il rapporto, nato nel 1999, fotografa il grado di rispetto della libertà religiosa in 196 paesi, analizzando le violazioni subite dai fedeli di ogni credo e non solo dai cristiani. «La libertà religiosa è per sua stessa natura un diritto da garantire a chiunque – scrive nella prefazione del volume Paul Bhatti, già ministro federale pachistano per l’Armonia nazionale e gli affari delle minoranze e fratello del compianto Shahbaz Bhatti, ministro per le minoranze ucciso nel 2011 – e, considerata la situazione di moltissimi gruppi religiosi, il Rapporto ci obbliga a guardare con nuovi occhi a questo diritto fondamentale, che è condizione imprescindibile di ogni società libera e giusta».

    Leggi Tutto » | Argomento: Pubblicazioni | Categoria: Dal Web

Motore di ricerca

Chi è online

Il Tuo IP: 54.198.120.209



Verifica umana
Quanto fa quattro più quattro?
:

Condividi su:

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder